Torino: il sindaco Appendino registra il primo figlio di due madri

Torino: il sindaco Appendino registra il primo figlio di due madriCon una mossa a sorpresa, quest’oggi il sindaco di Torino Chiara Appendino ha registrato all’anagrafe un bambino figlio di una coppia omosessuale. Si tratta della prima volta che un comune italiano registra come figlio di una coppia dello stesso, un bambino nato in Italia. Quella del sindaco 5 stelle è chiaramente una mossa politica e mediatica atta a forzare la mano al governo per una legge che sancisca definitivamente la legittimità  genitoriale di una coppia omosessuale anche in Italia. Un passo che fino ad ora è rimasto molto controverso e che non è stato inserito nemmeno nella legge sulle unioni civili voluta dal governo PD.

Chiara Foglietta: “Un giorno storico”

Ad annunciare la decisione del sindaco di Torino è stata una delle due madri attraverso il proprio profilo Facebook. La madre in questione è Chiara Foglietta, vice capogruppo del Pd nel consiglio comunale del capoluogo piemontese, che approfitta della concessione per fare propaganda politica delle istanze delle coppie omogenitoriali: “Niccolò Pietro Foglietta Ghisleni.” scrive la consigliera comunale comunicando in questo modo il successo su una legislazione che a suo modo di vedere discrimina le coppie omogenitoriale, quindi aggiunge per rimarcarlo: “Oggi non si è solo scritto un atto. Un nome su un foglio. Si è scritta una pagina importante della nostra storia”.

Nel prosieguo del post la Foglietta sottolinea il motivo di questa storica conquista: “Niccolò ora è ufficialmente registrato ed è figlio mio e di Michela anche per lo Stato italiano”. Il post Facebook si chiude con un augurio per tutte le coppie omosessuali che desiderano avere un figlio: “Abbiamo aperto una strada importante a tutte le coppie che si trovano nella nostra stessa situazione, abbiamo dato coraggio a tutte quelle donne che non hanno più voglia di dichiarare il falso”.