Ti arrabbi? Ecco una APP per gestire la rabbia…

I cristiani spesso lottano persino con l’idea di rabbia. Molti di noi credono che un “buon cristiano” non si possa mai arrabbiare. Naturalmente riconosciamo che Gesù, a volte, si arrabbia (cfr Mt 21,12 e Mt 23,33), ma anche così, è spesso difficile capire cosa Dio vuole che facciamo della nostra rabbia.

Nella sua teologia del Corpo, San Giovanni Paolo II ci ricorda che ogni parte del nostro corpo è stata creata per lavorare per il bene nostro e per gli altri. Ciò include la rabbia, radicata nel corpo e creata da Dio per aiutarci a vedere e per rispondere alle ingiustizie della nostra vita. Certo, ci sono molti modi insalubri per rispondere a quelle ingiustizie, ma non è colpa della rabbia! Quello deriva dal permettere alla nostra rabbia di scomparire dalla grazia. Infatti, il ​​Catechismo ci dice che la rabbia non è né buona né cattiva. Se la rabbia sia giusta o peccaminosa, ha a che fare con se siamo arrabbiati per le cose giuste, nei modi giusti e ai fini giusti (CCC # 1772).

Come possiamo assicurarci di esprimere la nostra rabbia in questo modo? Fortunatamente, c’è una APP per questo. Vale a dire, dobbiamo fare una verifica per essere sicuri di dare una risposta adeguata, proporzionata e produttiva al danno, l’offesa, il problema che abbiamo sperimentato.

1. Appropriata: questa è la qualità che mi aiuta a fare in modo, in primo luogo, che ci sia veramente qualcosa di cui essere arrabbiati. Per esempio, se un amico mi dice con amore che l’ho ferito, mi sento arrabbiato, ma ho per questo il diritto di arrabbiarmi? In questo caso, no. Lavoro piuttosto per il bene del nostro rapporto e rispondo rispettosamente alle sue preoccupazioni. Se rispondo con rabbia, sto rifiutando il tentativo del mio amico di guarire il nostro rapporto.

Oppure, se qualcuno ferisce i miei sentimenti. È opportuno sfruttarli prima di controllare per vedere quali sono state le sue intenzioni? Cosa succede se ha semplicemente sbagliato la domanda? Cosa succede se ho frainteso quello che stava cercando di dire o di fare? Chiedere se la mia rabbia è appropriata mi permette di accertarmi di capire la natura del pericolo percepito o di verificare se in realtà è stato un problema così grave, prima di iniziare la Seconda guerra mondiale.

2. Proporzionato – Parlando della Seconda guerra mondiale, è importante che la mia rabbia sia proporzionata. In altre parole devo domandarmi: “Quanta rabbia devo esprimere per ottenere che la palla rotoli verso una vera soluzione?” Per esempio, se posso affrontare un problema con te semplicemente parlandone, invece di fare ciò che è sproporzionato, probabilmente danneggerà il nostro rapporto, anche se “risolve” il problema immediato. Allo stesso modo, se i miei dolci tentativi di affrontare uno scontro sono ignorati, ciò può giustificare che io abbia una reazione più forte, non per sfogare la mia milza, ma in modo che il vero problema, che provoca danni al Corpo di Cristo, possa essere indirizzato e curato. La proporzionalità mi permette di assicurarmi che la mia rabbia risolva i problemi senza causare (o ignorare) altri problemi.

3. Produttivo: devo esprimere la mia rabbia in modi che effettivamente producano qualche bene; per guarire da un infortunio, un incidente di percorso, o per correggere un’ingiustizia o per insistere a raccogliere qualunque risorsa ci aiuti a far sì che il problema non accada di nuovo. Saltando e poi fingendo “tutto va bene” ora che ho vomitato emozionalmente su tutto, non è produttivo. Non aiuta a guarire la ferita originale o ad assicurarsi che non accada di nuovo. Infatti, provoca ancora più problemi.
Quando la rabbia viene espressa in modi inappropriati, sproporzionati e improduttivi, posso essere colpevole del peccato dell’ira. Come sottolinea Gregory Popcak* nel suo libro, Broken Gods, speranza, guarigione e le sette lunghezze dell’ira del cuore umano sono una distorsione del desiderio divino per la giustizia e mi fanno reagire a una situazione negativa in un modo che la rende molto peggiore .

Quando ci sentiamo arrabbiati, la prima cosa che dobbiamo fare – prima di affrontarla con qualcun altro – è portarla a Dio e chiedere: “Signore, aiutami a rispondere a questo problema in modo appropriato, proporzionato e produttivo, perché io possa risolvere il problema e portare una vera guarigione a questa relazione “. Non avere paura della tua rabbia. Basta che Dio ti insegni come usare la APP della rabbia, per poter rispondere alla rabbia stessa in modi appropriati, proporzionati e produttivi.

*Il dottor Gregory Popcak è il direttore esecutivo dell’Istituto delle soluzioni pastorali, un’organizzazione negli USA, dedicata ad aiutare i cattolici a trovare soluzioni di fede per matrimoni, famiglia e problemi personali.