Preghiamo Suor Rita Montella: Gesù le disse come scongiurare la tirannia

Nel 1948 Gesù apparve a Suor Rita Montella facendole comprendere il rischio per l’Italia di cadere in mano al regime comunista.

Suor Rita Montella – photo web source

Oggi avremmo bisogno di santi che ci proteggano dalla caduta nel regime dell’ideologia gender. Suor Rita Montella è nota a molti per avere sventato l’attentato a Papa Giovanni Paolo II. Molti la considerano una santa moderna, ma la Chiesa non ha ancora accolto la sua canonizzazione. Tuttavia, l’autorità ecclesiastica ha già approvato una preghiera attraverso la quale si può chiedere l’intercessione della religiosa. La preghiera recita come segue.

Preghiera a Suor Rita Montella approvata dalla Chiesa

“Signore, nostro Dio, Tu hai chiamato Suor Rita dello Spirito Santo a realizzare più pienamente la sua consacrazione battesimale dedicandosi interamente a Te nella vita contemplativa agostiniana per cercare Dio e servire la Chiesa. Tu, o Padre, hai fatto risplendere attraverso di lei, con i carismi che le hai donato, il volto del Tuo Cristo, rendendolo visibile in mezzo agli uomini e alle donne del nostro tempo.

Suor Rita Montella – photo web source

Con il Tuo aiuto ha preso su di sé le ansie dei fratelli servendo il Cristo sofferente nelle sue membra e divenendo con umiltà nella preghiera segno e testimonianza del Tuo Amore.
Ascolta la nostra preghiera: degnati ora di glorificarla in terra e, per sua intercessione, concedici la grazia… che con fiducia ti chiediamo”.

Chi è Suor Rita Montella, la futura santa che salvò Giovanni Paolo II

Molti altri conoscono Suor Rita Montella come “la Bambina di Padre Pio”. Il santo di Pietralcina infatti si presentò in diverse occasioni a Suor Rita in bilocazione. Di notte Padre Pio entrava nella stanza della clausura di Suor Rita, suora agostiniana del Monastero di Santa Croce sull’Arno, e pregava con lei.

Quest’anno è ricorso anche il centenario della nascita della suora, nata il 3 aprile 1920. In vita, la religiosa si offrì vittima all’Amore divino. Fu così che Dio le concesse quanto aveva chiesto in preghiera.

Una foto dell’attentato a Giovanni Paolo II – photo web source

L’incessante preghiera della suora per la salvezza in terra e in cielo

Padre Franco D’Anastasio ha messo nero su bianco che il 13 maggio 1981 la suora si recò in bilocazione in piazza San Pietro, per deviare il colpo di pistola diretto contro Giovanni Paolo II. Un fatto quindi che cambiò prodigiosamente il corso della storia e degli eventi.

La sua preghiera era rivolta alla conversione dei peccatori, al ravvedimento dei sacerdoti, alla guarigione delle malattie e alla salvezza eterna delle anime, nonché alla liberazione delle anime del purgatorio. La suora chiedeva spesso anche al Signore di fermare la guerra e di non mandare castighi agli uomini, impedendo anche derive politiche come quella, che si stava paventando in quegli anni, della dittatura comunista anche nel nostro Paese.

La richiesta a Gesù che evitò la deriva comunista in Italia

Ad esempio, poco prima delle prime elezioni politiche repubblicane che vennero vinte dalla Democrazia Cristiana, il 18 dicembre 1948, la suora, raccontano le consorelle, disse che l’Italia rischiava di essere castigata e di finire in mano ai comunisti. La suora pianse, pregò ed espiò. Fino a che un giorno Gesù le disse: “Rita, tu hai vinto!”.

Preghiera
Preghiera (photo Pixabay)

Fu così che, come anche per altre santa della storia tra cui Suor Faustina Kowalska, la suora ottenne da Gesù il cambiamento del corso della storia. Oggi, con il Ddl Zan Scalfarotto che rischia di essere approvato e di dare il via alla dittatura lgbt anche nel nostro Paese, c’è sempre più bisogno di sante come Suor Rita Montella, che si rivolgano a Gesù con tutto il cuore chiedendo l’impedimento della deriva nel nostro Paese.

Giovanni Bernardi

Fonte: lanuovabq.it

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]