Studia per strada perché in casa non ha luce | Ma uno scatto gli cambia la vita

Nel mondo, purtroppo, sappiamo che i bambini non sono tutti uguali e molti di loro devono affrontare problemi inimmaginabili. 

Quella che stiamo per raccontarvi è la storia di un bambino che, nonostante tutto,  realizza il suo sogno di studiare grazie a un video che gli cambia la vita.

victor
photo web source

Studia alla luce di un lampione

Andare a scuola, studiare, stare insieme e giocare sono diritti fondamentali per i bambini ed i ragazzi. Questo è quello che dovrebbe essere in ogni Paese del mondo, ricco o povero che sia. Ma sappiamo bene che non è così e ci sono molti bambini e ragazzi che non hanno nemmeno accesso allo studio.

Quella che stiamo per raccontarvi è la storia di Victor, un ragazzino che vive in Perù, in una delle zone più povere del paese. Un mondo così lontano da noi e, come dicevamo, dove siamo convinti che anche lì la scuola e lo studio siano accessibili come nel nostro di Paese.

Non è così. Victor è ai primi anni di scuola e vorrebbe studiare, imparare e conoscere tutto ciò che gli è intorno. Ma la sua famiglia, come tante altre in Perù, non ha accesso alla corrente elettrica in casa. Questo ne consegue che, al calare del sole, il buio comincia a penetrare nella sua casa e Victor deve interrompere lo studio o, peggio, non iniziarlo proprio.

Il ragazzino di 11 anni non vuole rinunciare al suo sogno, ovvero quello di diventare un ispettore di Polizia: “Voglio combattere la criminalità e la droga” – ha più volte detto a chi gli chiedeva cosa volesse fare da grande.

Un sogno nel cassetto, ma senza corrente elettrica a casa

La tenacia, la voglia di studiare, quella corrente in casa che manca. Come fare allora? Ed ecco che Victor non si è perso d’animo e ha iniziato a studiare sedendosi sotto un lampione in strada. Non si è accorto, però, che proprio lì vicino c’era una telecamera di sorveglianza e che la Polizia lo ha osservato ogni volta che si sedeva lì a studiare alla luce del lampione.

Per questo, la Polizia ha deciso di diffondere le immagini, anche per cercare di aiutare il ragazzino a trovare una sistemazione più consona per studiare. Tanti sono i giornali che si sono interessati a lui, persino il sindaco della città di Moche, dove Victor vive che, conoscendolo e cercando di capire perché studiasse alla luce del lampione, ha subito provveduto ad allacciare la corrente elettrica a casa sua.

photo web source

Ma l’incontro più importante per Victor è stato con Yaqoob Yusuf Ahmed Mubarak, imprenditore del settore del cioccolato. Venendo a conoscenza della sua storia, grazie ai social, l’uomo si è ricordato di quando anche lui, all’età di Victor, studiava per strada perché i suoi genitori erano poveri.

Un incontro che gli cambia la vita

Per questo ha deciso di aiutarlo. Ha conosciuto Victor, ha iniziato a parlare con lui, anche chiedendogli cosa di più desiderava al mondo. L’imprenditore ha donato una casa nuova a Victor ed alla sua famiglia ed ha anche donato dei fondi alla scuola che frequenta il ragazzino. Scuola che si trovava in condizioni fatiscenti e che, ora, potrà esser ristrutturata.

Un gesto di grande carità unito alla volontà di un ragazzino di portare avanti i suoi sogni.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it