Sono andato a Medjugorje per sfidare la Madonna.

12196050_973587456012538_5225780691298898265_n

Voglio raccontare la mia storia perchè sono convinto che quello che io ho vissuto e provato possa aiutare tutte quelle  persone che sono alla ricerca di una fede viva e forte , ma che per un motivo o per l’altro non riescono a trovarla.

Tutto ha inizio nel 1995 quando un mio carissimo amico mi ha parlato di un piccolo paesino dell’ex Jugoslavia Medjugorje, dove da diversi anni accade uno strano almeno per me fenomeno, 6 fanciulli da diverso tempo affermano di vedere la Madonna, ma li per li non ho dato peso alle parole del mio amico Sergio. Poco dopo incontro un vecchio amico di nome Franco che aveva problemi di alcolismo e mi racconta che adesso sta molto meglio grazie a un viaggio di fede fatto a Medjugorje  ecco le sue parole: La Madonna mi ha liberato dall’alcol. Dopo circa due anni incontro Francesca una mia ex compagna di classe che non vedevo da diverso tempo mi racconta che il suo matrimonio stava andando a rotoli, allora si è messa a pregare la Madonna e nel suo cuore a sentito un forte desiderio quello di andare a pregarla a Medjugorje è così ha fatto. Una volta sulla collina delle apparizioni ha consacrato il suo matrimonio a Maria, e appena tornata il suo matrimonio è tornato ad essere felice e i problemi sono miracolosamente scomparsi.

La prima cosa che mi è venuta in mente: questi sono tutti diventati matti, io sono stato sempre un credente all’acqua di rose andavo alla Messa alla domenica ma guai ad impegnarsi più di tanto e come se svolgessi il mio compitino mi confessavo di rado pensando di non aver commesso nessun peccato. In fondo dicevo non ha mai ammazzato nessuno che male avrò mai fatto e perchè dovrei raccontare gli affari miei ad un altro uomo. Tanto Dio lo sa che non faccio nulla di male.

Questi tre incontri mi hanno turbato, io avevo l’idea di un Dio lontano distante da noi e poi la Madonna si è la mamma di Gesù ma che c’entra con noi.  poi l’idea che lei potesse apparire a degli uomini mi sembrava assurda, possibile che alle soglie del 2,000 ci sono ancora persone pronte a credere a queste stupidaggini? Così decido di andare a vedere di persona adesso li sistemo io questi fessacchiotti creduloni queste erano le parole che mi risuonavano in mente.

Era luglio del duemila trovo un foglietto che pubblicizzava un viaggio in bus a medjugorje , partivano da Roma e così mi prenoto, verso la mia quota di partecipazione parlo con il capogruppo una persona cortese e semplice, le sue parole mi hanno colpito ma l’idea che mi ero fatto di lui è che fosse un esaltato, un fanatico della Madonna.

Arriva il giorno della partenza salgo sul bus con altri cinquanta pii pellegrini, partiamo alla volta di Ancona iniziano d subito le preghiere i canti, tutti molto gentili e gioiosi sembravano finti, il sacerdote ci da la benedizione. Finito il Rosario attaccano con altre preghiere e io non ne potevo già più e poi di nuovo dei canti dove le persone alzavano le mani e lodavano Gesù, basta voglio scendere pensavo dentro di me pregare va bene ma questo è troppo.  Diciamo che la marcia di avvicinamento al villaggio Bosniaco non è stata della migliori, decido di prendere l’iniziativa chiedo di poter parlare al microfono ed esterno tutte le mie perplessità,  annuncio che il motivo che mi ha spinto a partecipare è quello della curiosità, pur riconoscendo la loro buona fede pensavo che in fondo erano degli ingenui a credere a queste cose e io con la mia presenza avrei dimostrato che in quel luogo non accadeva niente di eccezionale, ma molto era frutto della foro fantasia e del desiderio di vedere o sentire qualcosa a tutti i costi.

Partecipavo svogliato a tutte le attività proposte e vedevo che tutti erano felici e contenti si vedeva chiaramente che non fingevano e  la pace regnava nei loro cuori. Il terzo giorno visto che il tempo era buono si decide di salire sulla collina delle apparizioni, il luogo dove la Madonna è apparsa e continua ad apparire. La mattina presto mi sveglio e sento una sorta di benessere che mi avvolgeva, strano visto il malessere interiore dei giorni precedenti che mi sta succedendo?( penso tra me e me). Iniziamo a salire recitando il Rosario una signora molto gentile me ne regala uno ed io inizio a scorrere i grani, stavolta però non mi sembrava la solita cantilena  il solito ripetersi quasi automatico di Ave Maria. Piano piano mi sentivo in pace con me stesso in armonia con l’universo intero persino le meditazioni fatte dal sacerdote mi sembravano interessanti e le sue parole iniziarono a colpirmi.

Arrivati davanti alla statua della Madonna ho sentito un grande calore al cuore le lacrime hanno iniziato a sgorgare dai miei occhi e non si fermavano più, mi sono inginocchiato è ho sentito l’abbraccio della Madonna ho sentito le sue parole: “Ti stavo aspettando figlio mio, io sono la tua mamma e ti amo” . In quel momento mi sono sentito l’uomo più felice della terra , mi sono seduto non mi reggevo in piedi dall’emozione ho chiuso gli occhi è ho iniziato un dialogo con la Madonna che è durato più di tre ore, infatti ho detto al resto del gruppo di non aspettarmi che io mi fermavo li a pregare e tutti mi hanno guardato con grande stupore. Sono rimasto in silenzio con la testa piegata tra le gambe ma la sensazione che provavo era bellissima mi sembrava di stare in paradiso. Ho rivisto tutta la mia vita ed ho capito quanto era stata infelice perchè mancava l’amore, il vero amore, tutti i dubbi le amarezze sono svanite in un attimo in un abbraccio che ha segnato per sempre la mia vita. Oggi nonostante rimango un peccatore il mio rapporto con Dio e la Madonna sono cambiati , vado a messa felice perchè so che vado incontro a Gesù, anche il mio rapporto con la Madonna è cambiato ora ho la certezza che lei è la mia mamma e da quel giorno sento costante la sua presenza accanto a me, perfino la confessione che mi era tanto indigesta mi è divenuta familiare. Oggi posso dirvi che la mia sfida con Maria l’ha vinta lei e meno male aggiungo io, solo al pensiero di quelle mie parole offensive e di sfida pronunciate arrossisco dalla vergogna e penso a quanto ero superficiale e distaccato. Ecco io sono uno di quelli che dice Medjugorje mi ha cambiato la vita, e anche se fosse tutta una invenzione un inganno per me non cambierebbe la sostanza, io ero morto dentro nell’anima è sono tornato alla vita vita grazie a quel luogo che ha davvero qualcosa di speciale, dove sembra che veramente il cielo sia sceso sulla terra.

Buona vita a tutti a voi con lo sguardo proteso a Gesù e a Maria.