La seduta spiritica finisce male – Storia di un gioco sbagliato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:13

Eleonora (nome inventato) è una ragazza normale, gli piace ballare e frequentare gli amici e con loro ha dato vita ad una seduta spiritica finita male.

seduta spiritica finita male - Dio vince

Una testimonianza diretta di chi ha vissuto nella preghiera di sostegno il sacerdote esorcista che ha operato sulla giovane.

Segnaliamo la testimonianza di una ragazza che da diverso tempo riceve esorcismi a causa di certi” giochetti “esoterici fatti inconsciamente” ma che hanno avuto conseguenze devastanti nella sua vita  , Riteniamo utile  mettere in risalto la pericolosità di certe realtà ricordando a tutti che la Grazia di Dio è più forte di ogni male .

Quel gioco era una seduta spiritica

Durante l’occupazione della scuola, tanto per passare il tempo, insieme ad alcune compagne di classe, Eleonora decise di provare il  gioco della tavoletta Ouija. Le giovani invocarono così la presenza di nonni, zii, e altri antenati.

In quello che ingenuamente credevano fosse solo un gioco avvenne qualcosa di strano. Le ragazze rimasero infatti per diverso tempo con le dita attaccate al bicchiere utilizzato. Dopo alcuni interminabili minuti la catena si spezzò e le ragazze poterono tornare alle loro normali attività.

Le partecipanti al quel pericoloso gioco non sembrarono risentire in alcun modo di quella strana “catena “che non riuscivano a spezzare. Tutte continuavano a comportarsi normalmente ma per Eleonora non era come per le altre. Lei iniziò ad avere comportamenti strani, aggressivi e violenti soprattutto nei confronti della madre.

Tavola Ouija

Le prime avvisaglie dopo la seduta spiritica a casa durante il Rosario

La mamma, una donna di Chiesa, molto religiosa, frequentava una parrocchia nei dintorni di Roma e recita spesso il Santo Rosario in casa. Durante una corona fatta in casa la figlia ebbe un’improvvisa reazione scomposta. Eleonora si sentì infastidita da quelle preghiere considerate antiche. Le condizioni di Eleonora peggiorano e, dopo una settimana i genitori, preoccupati, decisero di prendere un appuntamento con un esorcista.

Il sacerdote contattato li attende con ansia e la giovane ragazza si presenta felice e raggiante.  Entrò in chiesa accompagnata dai genitori, pensando di ricevere una semplice benedizione, come gli avevano assicurato mamma e papà. Il Sacerdote, indossati i paramenti sacri, iniziò a pregare imponendo le mani su di lei per benedirla, ma apparentemente non accadde nulla fino al momento del concedo.

In quel momento lo sguardo dell’esorcista e della ragazza s’incrociarono: il prete avvertì improvvisamente un odio profondo verso di lui, gli occhi della ragazza sembrano incenerirlo. Servivano preghiere, serviva affidarsi alla Madonna, serviva tornare.

Il secondo incontro

Nel  secondo incontro la ragazza venne accolta in una saletta appartata; con lei altre persone che avrebbero supportato con la preghiera la battaglia del sacerdote contro il demonio. Dopo le rituali preghiere di introduzione iniziò l’esorcismo: Eleonora rimase immobile e fissando il sacerdote, cambiando voce  chiese: “Che vuoi tu prete?” il tutto accompagnato da una grossa risata.

Alle domande del sacerdote non vi è nessuna risposta ma solo piccoli sibili. Dopo due ore, il sacerdote  decide di smettere. Congedò tutti e chiese alla famiglia di tornare una volta alla settimana e di frequentare i sacramenti tutti i giorni. Queste raccomandazioni le fece in particolare alla ragazza. La spronò alla confessione, pratica molto efficace anche più di un esorcismo. Sono passati diversi anni da quella prima volta che Eleonora mise piede nella Chiesa del sacerdote esorcista.

esorcismo La ragazza ha fatto notevoli progressi, ma la cosa più bella è stata la sua conversione profonda  E’ stata rapita da Gesù, ora sente vicina la presenza della Madre Celeste: “Dopo tanto buio, vedo la luce, una luce calda che consola”. Che dire, se non che Dio da un male  fa uscire sempre un bene maggiore.

La Redazione

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]