Se un etero diventa Gay viene celebrato , se un gay diventa etero viene massacrato come mai?

In una breve intervista concessa a ‘La Fede Quotidina’ Luca Di Tolve spiega come il suo obbiettivo odierno sia quello di evangelizzare e di come questo lo abbia portato ad essere vittima di serie minacce. Tutti ormai conoscono la sua storia: era omosessuale ed attivista gay, ma grazie alla psicoterapia, alla fede ed alla preghiera ha cambiato stile di vita ed ora ha una bellissima famiglia. La sua esperienza è stata racchiusa in un libro intitolato ‘Ero gay, a Medjugorje ho trovato me stesso’.

L’intervistatore chiede a Di Tolve di raccontare la sua esperienza dall’inizio, da quando insomma era membro dell’Arcigay e si dichiarava omosessuale. Luca senza remore gli dice che inizialmente credeva di avere una vita piena e soddisfacente, ma che con il passare del tempo si era reso conto che il divertimento ed il sesso occasionale non erano aspetti così importanti:

“Io ho avuto un passato burrascoso. Nella mia fase omosessuale della vita sono arrivato al successo, ho avuto amicizie dette importanti e di rilievo. Ma dopo mi sono stancato di saltare da un letto all’altro, di cambiare compagno ogni sera o quasi, una vita magari intensa e apparentemente bella, ma assolutamente frivola e priva di vero senso. Sono stato in Arcigay e ne sono rimasto profondamente deluso, ho compreso che era ed è una lobby di potere al servizio di altre lobby”.

Nonostante la delusione ed il senso di vuoto, Luca era convinto che quello, almeno in parte, fosse il suo mondo. Quindi l’intervistatore gli chiede quale fosse stato l’evento che lo ha convinto a cambiare vita e questo risponde:

“Ho contratto l’ Aids e pensavo di morire, ne ero convinto. E’ stato il punto più basso della mia vita, una caduta clamorosa. Fede e psicoterapia assieme alla preghiera mi hanno salvato dalla omosessualità facendomi guarire, perché è possibile guarire. Ho svolto una buona analisi e oggi sono felice di questo cambiamento. La lobby gay ci indottrina e ci spinge a pensare il contrario, mentendo che ogni scelta è possibile, che è lecita la condotta fluida”.

Di Tolve continua la sua invettiva schierandosi contro le lobby gay che, a suo dire, in questo momento controllano la maggior parte dell’informazione mediatica, al fine di proporre uno stile di vita ambiguo. Ma qual è il motivo di un simile indottrinamento? A questa domanda Luca risponde facendo capire che dietro a questa tendenza ci sono interessi economici rilevanti:

“Tutto qui è conseguenza di interessi economici consistenti. La famiglia naturale, quella composta da uomo e donna non produce affari. Mentre la visione omosessuale della vita arricchisce le tasche di irresponsabili, penso a quello che deriva dall’ utero in affitto. Inoltre, cosa non da poco, la condotta omosessuale è a rischio di malattie gravi, è scientificamente provato che i rapporti sessuali omosessuali sono veicolo di infezioni in tantissimi casi”.

Di Tolve conclude dicendo che tutto questo porterà a delle atroci conseguenze, dovute all’attacco che le lobby stanno sferrando contro il modello tradizionale di famiglia: “Si pensa e pretende di equiparare la famiglia tradizionale alle unioni civili ed è una follia che distruggerà la società. La famiglia tradizionale è bella e nobile, va difesa”.