Scuola, crescono i timori sulla riapertura. Maschere, distanza, test: come?

Scuola, si preannuncia un ritorno difficile. Più passano i giorni più cresce la confusione. Azzolina prova a rassicurare, ma nel frattempo cresce lo scontento.

scuola

Il rischio è che a settembre quattrocento mila studente non avranno a disposizione alcun’aula per seguire le lezioni. Poi c’è il tema dell’organico insufficiente per coprire il bisogno di organizzare i gruppi di lezione in base a quanto previsto dal ministero dell’Istruzione, ovvero con classi di 12 o al massimo 15 studenti.

Scuola, cresce lo scontento. Come sarà la riapertura?

E poi ci sono i presidi che addirittura arrivano a chiedere lo scudo penale se dovessero verificarsi dei focolai nelle scuole, in quanto, a loro parere, l’attuale legislazione non li coprirebbe abbastanza. E minacciano che se il parlamento non provvede a garantire loro una certa sicurezza, non riapriranno le scuole.

L’ultimo è il nodo dei trasporti. Che con il ritorno dell’anno scolastico andrebbero nuovamente a trovarsi in una situazione difficile. E anche di questo non si vede all’orizzonte alcuna soluzione. Il ministro De Micheli ha ipotizzato un aumento dei livelli di riempimento, ma di fatto non si capisce qual è la vera strategia.

Bambino
Bambino a scuola (photo Pixabay)

Il ministro Azzolina è certa: la riapertura non è in discussione

Di fronte a tutto ciò, il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina lo ripete come se fosse un mantra: la riapertura delle scuole non è in discussione e avverrà il 14 settembre. Il governo la considera una “priorità assoluta”. L’unico problema è che molte delle indicazioni arrivate dal Comitato Tecnico Scientifico sono di difficile applicazione.

Già ad esempio sul tema delle mascherine obbligatorie, Azzolina ha fatto marcia indietro e ha deciso di farle diventare opzionali. Anche perché l’idea che ad esempio un bimbo delle elementari possa tenere la mascherina in modo corretto per diverse ore, a molti, a livello pratica, è parsa un’idea un tantino balzana. Già ci si immaginavano ore di lezione in cui le maestre non fanno altre che occuparsi di questo.

Tutti i nodi di difficile applicazione. Tra test, mascherine e distanza

Anche i test sierologici previsti per i docenti, che in un primo tempo sembravano dovessero essere obbligatori, ora sono diventati volontari. Il commissario Domenico Arcuri ne ha nel frattempo acquistati 2 milioni, da utilizzare per i test su docenti e personale amministrativo. Poi c’è il fattore distanziamento, che i tecnici ritengono imprescindibile per evitare i contagi, ma che allo stesso tempo chi lavora nella scuola trova inapplicabile.

Scuola Maturita futuro

Come fare a invitare decine e decine di giovani a stare continuamente distanziati? Serverebbe un miracolo, o forse una bacchetta magica. Tutti gli studenti dovrebbero trasformarsi in un istante in soldatini perfettamente ammaestrati. Un po’ distante dalla realtà, pensano presidi e professori. 

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]