Santuario Madonna della Quercia di Bettola: la chiesa costruita dal popolo

Il Santuario della Madonna della Quercia si trova a Bettola, in provincia di Piacenza, ed è legato all’apparizione della Vergine nel 1496 a una pastorella. 

Il Santuario della Beata Vergine della Quercia a Bettola, in provincia di Piacenza, legato all’apparizione di Maria ad una pastorella alla fine del quindicesimo secolo. La Madonna chiese di edificare vicino all’albero una chiesa in suo onore – foto web source

Il santuario, terminato nel 1884 per celebrare l’apparizione mariana avvenuta alla fine del quindicesimo secolo, si affaccia sull’imponente piazza Colombo. Il Beato Scalabrini inaugurò la chiesa nell’anno successivo.

Il Santuario della Madonna della Quercia a Bettola

L’edificio, in stile romanico-lombardo con la facciata in sassi bianchi e neri, è stato progettato da Guglielmo Della Cella. La realizzazione avvenne grazia anche alla partecipazione intensa di tutto il popolo, che si fece carico sia dei lavori manuali che della raccolta delle offerte, con le quali poi si procedette all’acquisto dei materiali.

La famiglia Bianchi donò nel 1870 l’area su cui sorge la struttura parrocchiale di San Giovanni, che mantenne una grata comunicante nel lato sinistro del santuario.

Madonna della Quercia
Il Santuario della Beata Vergine della Quercia a Bettola, in provincia di Piacenza – foto web source

La costruzione del Santuario per mano del popolo

I parrocchiani trasportarono a mano i sassi del Nure con i quali si costruì la chiesa. I racconti dell’epoca spiegano che il guardiano delle carceri ogni mattino suonava la sveglia una prima volta alle quattro, una seconda volta alle cinque.

Quello era l’orario di inizio dei lavori. Subito numerosi uomini e donne, che si erano offerti in maniera spontanea e volontaria per l’iniziativa, guidati dalla loro grande fede nella Madonna, si adoperavano per fare il “passamani”.

Pietra su pietra tutti parteciparono all’impresa di fede

In poco tempo numerose pietre si ammucchiarono di fronte al luogo dove poi sorse la chiesa. Il suono di tromba che indicava l’ora di tornare nelle proprie abitazioni era alle 11 per le donne, che dovevano preparare il pranzo, e alle 12 per gli uomini.

Madonna della Quercia
Una foto dell’interno del Santuario della Beata Vergine della Quercia a Bettola, in provincia di Piacenza – foto web source

Oggi nel santuario sono conservati affreschi e opere di notevole pregio. Tra le questi, le vetrate realizzate dal pittore Luciano Ricchetti e sculture di Paolo Perotti soltanto nel secolo scorso.

L’imponente faro sopra la chiesa

La cancellata del famedio, in ferro battuto, è un’altra opera di grande valore artistico. Per poi finire nel campanile di ben 54 metri, di grande eleganza, che svetta sopra il Santuario, e sulla cui guglia piramidale mostra un angelo custode col braccio alzato e con in mano il faro della fratellanza. Il faro è dedicato ai ai caduti in guerra e del lavoro della Val Nure.

Madonna della Quercia
La foto dal piazzale antistante il Santuario della Beata Vergine della Quercia a Bettola, in provincia di Piacenza – foto web source

La Madonna della Quercia protegge quindi ogni giorno i piacentini che non smettono mai di chiederle grazie e benedizioni, all’interno dello splendido Santuario della Madonna della Quercia di Bettola, prontamente ricambiati dalla Vergine che non abbandona mai i suoi figli devoti che tanto la amano.

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]