“Italia in preghiera”, stasera dalla Chiesa Santa Maria Maggiore di Treviso

Continua l’appuntamento con il Santo Rosario settimanale per l’Italia in preghiera.

rosario - preghiera

Questa sera, alle ore 21, la recita del Santo Rosario su TV2000, dalla Chiesa di Santa Maria Maggiore di Treviso.

“Italia in preghiera”: il Santo Rosario da Treviso

L’appuntamento con “Italia in preghiera”, questa sera fa tappa in Veneto. Dalla Chiesa di Santa Maria Maggiore di Treviso, tutti i fedeli si porranno ai piedi di Maria a pregare per la fine di questa pandemia.

Dove e come seguire la preghiera

Questa sera, alle ore 21, come ogni mercoledi, in diretta su TV2000 e, in diretta streaming su tutti i Media Vaticani, sarà possibile seguire il Santo Rosario, pregare e meditare con tutti i fedeli della Diocesi di Treviso. A guidare la liturgia di preghiera sarà il Vescovo, Monsignor Michele Tomasi.

treviso
photo web source

La Chiesa di Treviso

La Chiesa di Santa Maria Maggiore di Treviso risale ai primissimi tempi dell’evangelizzazione del territorio della città veneta, probabilmente compiuta da San Prosdocimo, protovescovo di Padova e discepolo dell’apostolo Pietro.

La prima chiesa nasce, infatti, intorno al III secolo d.C., anche se è stata riedificata intorno al XI secolo, dopo che la città era stata invasa e saccheggiata dagli Ungari nell’899 d.C. La struttura che conosciamo noi oggi è quella del 1473, anche se è stata restaurata dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale del 1945.

Il Santo Rosario per “un ritorno alla normalità”

Una preghiera per tutte le vittime di questa pandemia, ma anche per la nostra Nazione e per il mondo intero che cerca di tornare alla normalità.

Un momento di spiritualità forte che ci permetterà di dialogare con Maria, la nostra Mamma Celeste. Lei saprà donarci grazie anche questa sera.

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]