Incredibile miracolo conferma reale presenza di Gesù nell’Eucarestia

La storia che stiamo per raccontarvi è quella di un miracolo eucaristico accaduto in una cittadina della provincia di Salerno. Gesù si è manifestato più volte attraverso il miracolo dell’Eucarestia, anche a coloro che non credevano nella sua reale e viva presenza sull’altare.

E in un momento storico difficile, quando la popolazione invocava la sua protezione da una grave calamità, Lui si è manifestato. Un fatto che ci mette di fronte a una verità che è sempre attuale perché non è soggetta al tempo.

Santissimo Sacramento 20221124 - lalucedimaria.it (1)
photo web source

Gesù Eucarestia ferma il terribile contagio

Il Regno di Napoli è stato uno dei più floridi, sia dal punto di vista economico e sociale, ma anche per la sua fede cattolica assai radicata. La dominazione francese e spagnola soprattutto, avevano portato con sé quel rapporto con la fede che era completamente diverso rispetto agli altri regni d’Europa. Ma la fede, si sa, per il popolo è qualcosa di ben più profondo: è dentro ciascuno di noi. Sentiamo poi ancora più forte il bisogno di  Dio quando siamo in difficoltà.

Correva l’anno 1656 quando il Regno del Sud Italia attraversa uno dei suoi momenti storici più difficili e complessi, ai quali solo Dio poteva dare risoluzione. 40 soldati spagnoli erano sbarcati ed avevano “portato con sé” la peste bubbonica. In men che non si dica, l’epidemia si diffuse.

Il primo morto per peste era nella città di Cava. Pian piano il numero cresceva sempre di più, tanto che, secondo i registri contabili dell’epoca della Curia, furono circa 6.300 persone morte, fra le quali 100 sacerdoti, 40 frati e 80 chierici.

Cosa fare se non sperare in un miracolo dal cielo? Chiedere aiuto a Gesù Eucarestia ed affidarsi a Lui era l’unica cosa che rimaneva da fare. Fu così che, un sacerdote fra i pochi superstiti, Don Franco, nell’autunno di quell’anno, portò in processione, aiutato da poche donne, il Santissimo Sacramento. Il pericolo di contagio era tanto, ma la fede era ancora più grande e molti furono i cittadini che parteciparono a questa processione.

Incredibile miracolo eucaristico

Ovunque passava, il sacerdote benediva con il Santissimo e, in particolare, arrivato al vicino Monte Castello, alzando al cielo l’Ostensorio, impartì la benedizione a tutta la gente che abitava nella valle.

La peste, miracolosamente, fu vinta. A partire dal mese di dicembre, non ci furono più vittime. Era l’anno 1657 e, da quel momento, i cittadini di cava de Tirreni non hanno mai dimenticato il “Miracolo Eucaristico contro la peste” ogni anno.

E ci aiuta a capire la potenza di Gesù nell’eucarestia, che è vivo realmente, e opera quello che la nostra mente non può neanche lontanamente immaginare. Ma siamo invitati a credere che Lui è presente e opera se noi glielo domandiamo con fede.

Impostazioni privacy