San Venceslao, portò il Vangelo in Boemia

Chi era San Venceslao? Il contesto storico in cui il Santo visse era la Boemia del X secolo. A quel tempo in Boemia il cristianesimo era agli albori e San Venceslao contribuì a diffondere la fede cristiana e il messaggio evangelico.

San Venceslao martire
San Venceslao (websource)

San Venceslao nacque a Praga, nel 907 circa. Figlio del duca di Boemia, Vratislao e di sua moglie Drahomira, nacque in un territorio dove il cristianesimo non era ancora molto diffuso. Divenne presto orfano di padre e questo, secondo la successione, lo portò a dover prendere il suo posto e reggere dunque il governo. Sin da giovane, Venceslao fu educato secondo i principi cristiani, questo grazie a sua nonna Ludmilla, venerata dalla Chiesa come Santa.

San Venceslao e la cristianizzazione della Boemia

Succeduto a suo padre, San Venceslao prese in mano la guida della Boemia e, fin da subito, mise in atto un vasto programma di cristianizzazione del paese. Il Santo fece arrivare in Boemia alcuni missionari tedeschi, in modo tale da avvicinare la Boemia all’Europa Occidentale (culturalmente e religiosamente).

San Venceslao risparmiò il suo nemico

Il Santo fu un modello di generosità e di coraggio. Inevitabilmente, in qualità di governatore, ebbe dei sudditi fedeli, ma anche dei nemici. Un episodio molto importante ci aiuta a riflettere sulla generosità e l’animo del Santo. Durante una lotta contro un duca boemo, San Venceslao propose al nemico di risolvere la controversia con un singolare duello tra i due. In questo modo il Santo si propose di evitare il sacrificio mi molte vite di soldati. Sbalordito, il duca si riconciliò con Venceslao.

La clemenza verso suo fratello

Non tutti aderirono al programma riformatore religioso di Venceslao. I primi oppositori della sua politica furono proprio sua madre Drahomira e suo fratello Boleslao, che, rimasti pagani, tentarono in ogni modo di far cadere il suo governo. Non riuscendoci, optarono per la drastica soluzione dell’assassinio. San Venceslao era solito recarsi, da solo, in chiesa, per recitare la preghiera delle Ore. Boleslao, insieme ad alcuni sicari, si recò in chiesa e cercò di colpire il fratello. Il Santo riuscì a liberarsi dalla presa del fratello e a sottrargli la spada. Generosamente, il Santo restituì la spada a suo fratello, in segno di perdono.

Culto

Quello del perdono del fratello fu l’ultimo gesto di clemenza e generosità di San Venceslao. Infatti a seguito di ciò egli fu ucciso dai sicari di Boleslao, che lo colpirono a morte tutti insieme. Mentre il Santo moriva disse queste parole: «Nelle tue mani, Signore, raccomando l’anima mia». Il suo sangue rimase sul pavimento e nessuno riuscì a toglierlo. San Veneslao fu sepolto a Praga, nella Cattedrale di San Vito. La Chiesa cattolica festeggia la sua memoria liturgica il 28 settembre.

Fabio Amicosante

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]