San Tommaso d’Aquino: dalla “Summa” il suo insegnamento teologico – Preghiera

Oggi celebriamo la memoria liturgica di San Tommaso d’Aquino, Dottore della Chiesa. La sua vita, dedita principalmente a studio ci offre importanti insegnamenti attraverso le “Summae”.

San Tommaso d'Aquino
San Tommaso d’Aquino (photo websource)

La vita di San Tommaso d’Aquino è particolarmente nota, basti pensare che il Santo, citato anche nella terza cantica di Dante Alighieri, è menzionato tra i Dottori della Chiesa. La sua opera più importante e conosciuta, la Somma Teologica, riassume gran parte degli insegnamenti che Tommaso ci offre. Al di là di questa singola opera, la vita del Santo è caratterizzata, in maniera del tutto particolare, da studio e insegnamento.

San Tommaso d’Aquino: l’immensa produzione

L’aspetto di cui vogliamo occuparci oggi è quello produttivo e magistrale. Il Santo, infatti, vanta una produzione di opere dottrinali e teologiche. Tra queste, ricordiamo due importantissime “Summae”, una serie di importantissimi commenti di opere aristoteliche.

A queste si aggiungono opere di esegesi biblica e opere che rappresentano commenti a Pietro Lombardo, a Boezio e a Dionigi l’Areopagita. Principalmente, San Tommaso era solito scrivere per i suoi studenti e, proprio a tal fine, l suo linguaggio era chiaro, schietto e convincente.

Il Santo, infatti, scrisse la maggior parte delle sue opere proprio con il fine di offrire importanti insegnamenti teologici, rifacendosi, da un punto di vista stilistico, anche all’opera aristotelica.

Spesso, però, l’insegnamento e il pensiero di San Tommaso d’Aquino si rivelò rivoluzionario, tanto che le sue opere fecero spesso scalpore. Il Santo ricevette anche diverse condanne, ribadite nel corso degli anni anche a Oxford e a Parigi, grandi centri universitari. L’Ordine Domenicano, si impegnò per difendere il suo grande maestro, dichiarando, nel 1278, il “Tomismo” dottrina ufficiale dell’Ordine.

LEGGI ANCHE: 2021: un anno Giubilare straordinario per l’ordine Domenicano

Preghiera

Amorosissimo San Tommaso, per il gran dono di carità,

da dio elargitovi per il quale, chiunque in grave necessità sia 

spirituale che temporale ricorrendo a voi ne otteneva pronto

il sollievo, abbiate pietà anche di me ed esaudite la mia

orazione. Vi prego dunque col più vivo del mio cuore

che mi impetriate dalla Santissima Trinità la grazia di

riformare i miei costumi e di adempiere i precetti della sua

santa Legge, per poter conseguire il fine per il quale sono

stato creato. Presentate, vi prego, ogni mio desiderio al 

Signore, mostrategli le mie miserie, ottenetemi il rimedio 

di esse, ed assistetemi con il vostro potente patrocinio in questa 

vita e particolarmente nell’ora della mia morte. così sia (fonte preghiera: Preghiere per la famiglia).

 

LEGGI ANCHE: La Sacra Cintola di Maria, donata a San Tommaso durante l’Assunzione

Fabio Amicosante

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it