San Giuseppe: la promessa mantenuta dopo una lunga attesa – VIDEO

San Giuseppe è entrato nella mia vita poco alla volta, in modo discreto com’è nel suo stile, fino a quando non è diventato presentissimo e ora non ne posso più fare a meno.

San Giuseppe con Gesù
Foto di Costola Rosa

A dirla tutta, prima non l’avevo mai considerato più di tanto e in qualsiasi chiesa entrassi, non facevo caso se c’era una sua rappresentazione né mi veniva in mente di pregarlo.

L’incontro con San Giuseppe

Poi circa quattro anni fa, era il 2017, succede che vado a cena da una mia cara amica. Era verso l’imbrunire e pioveva. Mentre attraversavo di fretta il giardino di casa sua, perché tra l’altro ero senza ombrello e cercavo di ripararmi meglio che potevo, noto di sfuggita una statua che non c’era mai stata prima, ma essendo già buio, non scorgevo bene di quale Santo. Mi ha fatto un certo effetto vederla così, abbandonata sotto la pioggia. 

Domando subito alla mia amica da dove proveniva e perché l’aveva lasciata fuori sotto l’acqua. Scopro allora che si trattava di San Giuseppe. Era davvero mal ridotto. La mia amica non sapeva cosa farne, e vedendo il mio interesse, se mi faceva piacere me lo donava volentieri. Così mi riprometto di prendermene cura e di trovare chi potesse ridargli lustro. Ma il buon proposito non si è realizzato subito.

San Giuseppe
Foto di Costola Rosa

San Giuseppe il santo protettore estratto a Capodanno

Presa ahimè da tante cose, ammetto che me ne sono proprio dimenticata fino a che, non ho avuto un richiamo. Era l’inizio del 2020, mi trovavo a Medjugorje, dov’è usanza pescare il santo protettore per il nuovo anno, e chi mi capita? San Giuseppe! A quel punto, mi è ritornata in mente la statua e d’un tratto anche chi avrebbe potuto riportarla al suo originario splendore. Ovvero don Silvio Zannelli, un mio caro amico sacerdote, incardinato nella diocesi di Firenze e artista strepitoso, autore di opere mozzafiato, tra cui la commissione del ritratto di Benedetto XVI, realizzato nel 2007.

Mando subito un messaggio alla mia amica per domandarle se aveva ancora la statua, temevo che nel frattempo se ne fosse disfatta. Attendo con un pò di ansia la sua riposta, sospettando la seconda possibilità. Ed invece ce l’aveva ancora, nel mentre l’aveva trasferita nella sua cantina, in mezzo a vecchi utensili e oggetti in disuso. Rincuorata, le accenno l’idea che mi è venuta e anche lei ne è felice. Così una volta rientrata in Italia vado a recuperare la statua e insieme la carichiamo nella mia auto, decisa a portarla a Firenze.

Don Silvio Zannelli e San Giuseppe
Don Silvio Zannelli durante il restauro – Foto di Costola Rosa

Il restauro è rimandato a causa del Covid

Ma accade l’imprevedibile: scoppia l’emergenza del Coronavirus e la conseguente impossibilità di spostarmi. Così San Giuseppe rimane ben avvolto in una coperta dentro il portabagagli per tre lunghi mesi. Fino a quando, riaprono le regioni, e a giugno scorso riesco finalmente a consegnarlo a don Silvio, che con le sue mani d’oro, ne ero certa, avrebbe fatto un capolavoro. Lui presissimo dai tanti impegni in parrocchia e con diversi restauri in corso d’opera, mi promette che lo avrebbe terminato in tempo per la solennità del Santo Patrono, il 19 marzo 2021. E ha mantenuto la promessa. 

Lo stupore davanti a tanta meraviglia

Qualche giorno fa, per l’occasione mi sono recata a Firenze e non vi dico la mia espressione quando ho visto San Giuseppe restaurato. Sono rimasta a bocca aperta, tanto era irriconoscibile. Don Silvio lo aveva rimesso in sesto, in modo maestrale. Aveva ricostruito il monco della mano destra di San Giuseppe e la sua capigliatura, prima completamente scrostata.

Stessa cosa per il piedino di Gesù e le sua piccole dita, rifatte di sana pianta. E poi lo aveva ripitturato completamente a mano, con dovizia di particolari, attraverso una verniciatura  con effetto anticato. Sono stata rapita per qualche minuto, da tutta la bellezza di un’opera frutto dell’impegno di un sacerdote e artista straordinario, che ha accompagnato il restauro con la preghiera.

San Giuseppe con GesùLa benedizione della statua e l’affidamento della Costola Rosa

E così, nel giorno, nel mese e nell’anno dedicato a San Giuseppe, indetto da Papa Francesco a partire dall’8 dicembre scorso, dunque una ricorrenza unica e straordinaria, don Silvio ha benedetto la statua e ha affidato alla santa e paterna protezione del grande Patriarca, tutte le amiche della Costola Rosa (un movimento rivolto alla donna nato da un’ispirazione che ho sentito a Medjugorje) invocando la sua intercessione, la più potente dopo quella di Maria Santissima, per ognuna di noi.

Benedizione della statua di San Giuseppe e affidamento della Costola Rosa alla sua santa e paterna protezione – VIDEO

Simona Amabene

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]