San Giulio I: il papa che combatté l’arianesimo attraverso i Concili

Chi era San Giulio I?

Papa dal 337, San Giulio I si occupò della questione ariana riconfermando la dottrina trinitaria

San Giulio I
San Giulio I (websource)

San Giulio primo fu eletto papa dopo una sede vacante durata circa quattro mesi. Venne eletto il 6 febbraio del 337. Le informazioni circa la sua vita sono ricavate dal Liber Pontificalis, risalente al IV secolo. Divenne papa due mesi prima della morte dell’imperatore Costantino. Solo un anno prima moriva il prete Ario, colui che negò la natura divina di Cristo e che aveva provocato grandi lacerazioni nella chiesa. La dottrina portata avanti da Ario era stata condannata con il Concilio di Nicea nel 325. Tuttavia era un periodo molto difficile per la Chiesa.

La convocazione del Sinodo e la questione di Atanasio

Non erano tempi sereni per la Chiesa. A seguito della morte dell’imperatore Costantino, l’impero fu diviso tra i suoi figli. Tra essi c’era Costanzo II, che seguiva la dottrina ariana. Proprio in quegli anni gli ariani avevano deposto ed esiliato Atanasio, Patriarca trinitario. Costantino II si impegnò affinché l’esiliato patriarca facesse ritorno alla sede Vescovile. Papa Giulio I decise di convocare un Sinodo a Roma, in cui si potesse discutere la delicata questione. A seguito del Sinodo, Atanasio fu ristabilito nella sua sede.

San Giulio I l’affermazione dell’Ortodossia romana

La chiesa e Giulio I erano minacciati da Costanzo II. Ma il santo pontefice era convinto della necessità assoluta di proseguire nell’ortodossia. Convocò nell’autunno del 343 un Concilio generale dei Vescovi occidentali. La città scelta fu Sardica, la città principale della Provincia della Dacia Mediterranea (oggi Sofia). L’assemblea generale dei vescovi ribadì le decisioni del Sinodo romano. A seguito del Concilio di Sardica, Ursado di Singiduno e Valente di Mursia, vescovi ariani, erano stati deposti dalla loro carica. Fecero una ritrattazione formale del loro errore davanti a papa Giulio I. I due vescovi firmarono una professione di fede. Dopo averli convocati in udienza, il santo papa li ripristinò nella loro sede episcopale.

San Giulio I papa
San Giulio I (websource)

La Chiesa di Giulio I

Gli storici sono concordi nell’affermare che sotto il suo pontificato, San Giulio I incrementò notevolmente il numero dei fedeli. Giulio I fece erigere due basiliche: la Chiesa titolare di Giulio (oggi Santa Maria in Trastevere) e la basilica Julia (oggi basilica dei santi XII apostoli).

Il culto

San Giulio I morì il 12 aprile del 352. Fu sepolto nelle catacombe di Calepodio. Nel 790 il suo corpo fu trasportato nella Chiesa di Santa Maria in Trastevere per scelta di papa Adriano I. La Chiesa festeggia San Giulio I il 12 aprile.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it