Aborti gratuiti in Texas, per tutte le donne colpite dall’uragano Harvey

 

Ecco i saldi di fine stagione…. “Per il mese di settembre offriamo aborti gratuiti per pazienti colpite dall’uragano Harvey.”. Dire vergognoso è dir poco! Come può essere venuto in mente ad una persona una simile frase e ancor più, una simile propaganda? Per questo mese uccidere un bimbo nel grembo materno è gratis, ancor più se sei vittima dell’uragano…

Ma davvero risponderanno donne a questo appello? Intanto sentirsi delle “pazienti” come se essere incinta fosse una malattia sinceramente non lo possiamo concepire. E poi, supponiamo che sono incinta, sono scampata alla forza devastatrice dell’uragano e dovrei uccidere quindi mio figlio? Non sarà piuttosto il contrario, che, visto che mi sono salvata, ringrazio Dio e mi tengo il figlio con tutto l’amore e la gioia della vita, seppur con il dolore nel cuore per quanti sono morti?

Perché mai un disastro dovrebbe chiamare ad un altro disastro? E quest’ultimo per di più volontario ed evitabile? Gloria Polo, la donna colombiana che ha visto Gesù dopo essere stata fulminata è morta per qualche minuto, testimonia che una delle maggiori forze del demonio gli viene proprio dai bambini abortiti. Quando il mondo capirà che un bimbo è un dono grandissimo e meraviglioso del quale essere felici e che ammazzarlo nel grembo materno è un abominio?