Il Rosario ogni giorno: 6 maggio in diretta dal Santuario di Nostra Signora di Aparecida in Brasile

Sesto giorno col Rosario in collegamento ogni volta da un diverso Santuario mariano, per la preghiera di maggio voluta da Papa Francesco.

Santuario "Nostra Signora di Aparecida" in Brasile
Santuario “Nostra Signora di Aparecida” in Brasile – photo web source

Il Santo Padre ha affidato l’organizzazione di questa preghiera per la fine della pandemia, al Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione. Ognuno di noi innalzerà la sua preghiera alla Vergine Maria, in comunione spirituale con tutti i fedeli del mondo.

Il Rosario del mese di maggio

Per questo mese di maggio, il Santo Padre ha voluto coinvolgere i principali Santuari mariani del mondo per la recita del Rosario giornaliero dedicato a Maria. Tante sono le richieste che si innalzeranno, in questi giorni, grazie alla Corona del Rosario. Ma ce ne sarà una in particolare: la fine della pandemia e la guarigione di tutti gli ammalati dal Covid.

Una preghiera che raggiungerà tutti i fedeli del mondo, che unirà insieme i sacerdoti, i religiosi e l’intero popolo di Dio. Come è scritto negli Atti degli Apostoli: “Da tutta la Chiesa saliva incessantemente la preghiera a Dio”.

6 maggio: il Santuario mariano in Brasile

Come da programma stilato, ogni giorno, dal Santuario scelto, la recita del Rosario alle ore 18, sarà per una particolare intenzione. Oggi, giovedì 6 maggio, si prega dal Santuario di Nostra Signora di Aparecida in Brasile. Sarà possibile seguire la preghiera su tutti i media Vaticani, a partire da Vatican News.

La preghiera sarà per tutti i giovani

Santuario “Nostra Signora di Aparecida” in Brasile

Nostra Signora Aparecida è la patrona del Brasile. Il santuario si trova ad Aparecida, nello stato di San Paolo.

La storia comincia nel 1717, quando si seppe che il conte di Assumar, don Pedro di Almeida e del Portogallo, si sarebbe fermato nel villaggio di Guaratinguetá, durante il suo viaggio verso Vila Rica. Per questa occasione, alcuni pescatori furono incaricati di fornire il pesce per il banchetto da tenersi il giorno dopo, in occasione della visita del conte. Tre pescatori, Domingos Garcia, Filipe Pedroso e João Alves, andarono a pescare nel fiume Paraíba. Dopo alcuni tentativi infruttuosi, gettarono le reti in un’area chiamata Porto Itaguaçu.

Secondo la tradizione, João Alves trovò nella sua rete una piccola statua di terracotta raffigurante la Madonna, priva però della testa. Gettò nuovamente la rete e questa volta vi trovò la testa della statua. In seguito i tre pescatori gettarono ancora le reti e queste si sarebbero riempite di pesci.

Per 15 anni la statua rimase nella casa di Filipe Pedroso, dove i vicini si riunivano per pregare il rosario. La devozione comincio a diffondersi: alcuni fedeli, che avevano pregato davanti alla statua, affermarono di aver ricevuto delle grazie.

Nel 1834 comincia la costruzione di un grande santuario, benedetto l’8 dicembre 1888 dall’arcivescovo di San Paolo. Il 26 luglio 1936 papa Pio XI dichiara Nostra Signora di Aparecida patrona principale del Brasile e il 4 luglio 1980, l’attuale basilica viene consacrata da papa Giovanni Paolo II.

LEGGI ANCHE: Il Rosario ogni giorno: 4 maggio in diretta dalla Basilica dell’Annunciazione di Nazareth in Israele

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]