Ronald Bernard: gli illuminati mi hanno chiesto di sacrificare bambini

Si chiama Ronald Bernard ed ha parlato in Tv della sua esperienza tra gli Illuminati.
Ciò che ha rivelato riguarda notizie sconvolgenti, che siamo forse abituati a sentire, per gli argomenti trattati, ma che, nel suo caso, sono confermati dall’esperienza diretta.
I dettagli scabrosi, quanto preoccupanti, riguardano sacrifici di esseri umani!

“Fui avvisato quando entrai a farne parte: non farlo a meno che non vuoi mettere la tua coscienza al 100% nel congelatore. Mi è venuto da ridere a quel tempo, ma non era affatto una barzelletta”. “Mi addestravano per diventare uno psicopatico e non ne ero in grado”.
Ronald arriva così a parlare della sua attività di rinomato banchiere e dell’economia in crisi anche in Italia, nonché delle morti per suicidio collegate al fallimento delle imprese.
Queste vicende, innumerevoli negli ultimi anni, se per tutti appaiono tragiche, per gli illuminati sono motivo di vanto.
“Ronald, ti ricordi quel caso con la lira italiana? Ti ricordi quelle operazioni in cui abbiamo fatto un massiccio dumping della lira, che ha ridotto il valore della moneta, che ha danneggiato una società italiana al punto da portarla alla bancarotta?”, gli ripetevano. E ancora: “Sai che il proprietario ha commesso suicidio e si è lasciato una famiglia dietro?”. “E noi abbiamo riso. Ah ah ah, tutti insieme. Noi guardiamo le persone dall’alto in basso, le mastichiamo. Sono solo un prodotto sprecato, spazzatura inutile”. “La natura, il pianeta, tutto potrebbe bruciare ed essere distrutto. Solo parassiti inutili. Servono a farci raggiungere i nostri obiettivi, crescere”.
Ronald comprese che quello non poteva essere il suo posto, né la sua battaglia, ma agli illuminati lo legava un contratto, vita natural durante.
Capiva ormai che era parte di un gruppo luciferino e cercava di ribadirlo alla sua coscienza sopita. “Così sono andato in luoghi chiamati Chiese di Satana. Così ho visitato questi luoghi e stavano facendo la loro Santa Messa con donne nude e liquori e roba del genere. E mi ha divertito. Non credevo in nessuna di queste cose e non ero convinto che il tutto fosse reale”.

Ma Ronald ha capito quanto tutto fosse, in verità, reale, nel momento in cui gli è stato chiesto di sacrificare dei bambini, per la loro causa.
In lacrime e sconvolto continua il suo racconto: “E poi ho cominciato a crollare lentamente. Ho vissuto il tutto come se fossi io stesso un bambino e questo mi ha davvero toccato profondamente. Tutto è cambiato. Ma questo è il mondo in cui mi sono trovato. E poi ho cominciato a rifiutare i compiti nel mio lavoro. Non potevo più farlo”.
Se il banchiere avesse ceduto in quel momento, non avrebbe più potuto tornare indietro, anzi sarebbe stato per sempre ricattabile, come accade a molti, le cui storie provengono da ogni parte del mondo, soprattutto della alte sfere della società.
“Odia la creazione, odia la vita. E farà tutto per distruggerci completamente. E il loro modo per farlo è dividere l’umanità. Dividi e conquista è la loro verità.