Riflessione personale sulla prima lettura di oggi 07-09-17

Pillola del giorno giovedì 07-09-17

Col 1,9-14
Fratelli, dal giorno in cui ne fummo informati, non cessiamo di pregare per voi e di chiedere che abbiate piena conoscenza della sua volontà, con ogni sapienza e intelligenza spirituale, perché possiate comportarvi in maniera degna del Signore, per piacergli in tutto, portando frutto in ogni opera buona e crescendo nella conoscenza di Dio. Resi forti di ogni fortezza secondo la potenza della sua gloria, per essere perseveranti e magnanimi in tutto, ringraziate con gioia il Padre che vi ha resi capaci di partecipare alla sorte dei santi nella luce. È lui che ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha trasferiti nel regno del Figlio del suo amore, per mezzo del quale abbiamo la redenzione, il perdono dei peccati.

San Paolo con l’espressione “piena conoscenza” non intende un semplice sapere intellettuale, ma quell’esperienza profonda che plasma, che trasforma la vita di ogni uomo che crede in Cristo. L’Apostolo esalta poi l’azione liberatrice di Dio Padre per mezzo del suo Figlio Gesù Cristo. Distruggendo il potere delle tenebre, ossia ciò che si oppone al regno del suo Figlio.

Accetto e ricevo le grazie di Dio fino a lasciare che sconfigga in me le tenebre del male? E prego io per quelli che già sono in cammino perché le grazie di Dio si moltiplichino in loro? O prego solo per i miei affanni?