Per una riflessione personale sulla prima lettura del 21-09-17

Pillola del giorno giovedì 21-09-17

1Tim 4,12-16
Nessuno disprezzi la tua giovane età, ma sii di esempio ai fedeli nel parlare, nel comportamento, nella carità, nella fede, nella purezza. In attesa del mio arrivo, dèdicati alla lettura, all’esortazione e all’insegnamento. Non trascurare il dono che è in te e che ti è stato conferito, mediante una parola profetica, con l’imposizione delle mani da parte dei presbìteri. Abbi cura di queste cose, dèdicati ad esse interamente, perché tutti vedano il tuo progresso. Vigila su te stesso e sul tuo insegnamento e sii perseverante: così facendo, salverai te stesso e quelli che ti ascoltano.

Timoteo non deve trascurare il carisma dell’ordine che lo ha fatto ministro di Cristo. Il sacerdote è un altro Cristo, ministro di una parola che ha creato il mondo. Il carisma sacerdotale è la comunione alla stessa persona di Cristo. Il ministro di Dio deve essere modello ai fedeli nella parola, nella condotta, nella fede e nella carità. Deve diffondere il “buon odore” di Cristo.

Ho rispetto dei sacerdoti? Mi rendo conto della grazia che hanno ricevuto per amore e volere di Dio? E tu che sei sacerdote, senti una profondamente riverenza vero Dio pr il dono ricevuto e lo metto a servizio dei fedelissimi che il Signore mi ha affidato?