Come si incorre nelle possessioni demoniache? Alcuni casi conclamati

Nella Bibbia, nel Vangelo, si parla spesso di possessioni demoniache.  Si parla  di come Gesù stesso si trovasse a dover “scacciare i demoni”.

Possessioni demoniache
Casi reali di possessioni demoniache

Oggi, molti ritengono quelle citazioni di poco conto, ma i dati storici confermano ben altro. Per questo, vi offriamo, di seguito, una rassegna dei casi di possessione conclamati.

Clara Germana Cele, nel 1906, pensò di fare un patto con satana. Aveva solo 16 anni ed era studentessa in Sud Africa. Cominciò a sentirsi “strana” e a provare ribrezzo per gli oggetti sacri, parlava più lingue, mai studiate, e prediceva il futuro! Sottoposta ad un esorcismo, iniziò a levitare, poi aggredì un sacerdote. Dopo due giorni di intensa preghiera, venne liberata da diversi demoni.

Anneliese Michel, che ha ispirato il film “L’esorcismo di Emily Rose”, era una 16enne epilettica, che assumeva psicofarmaci da tempo. Dopo alcuni tentativi di suicidio, nel 1973, iniziò ad avere atteggiamenti stranissimi: beveva la propria urina, rifiutava di avvicinarli ai crocifissi, sentiva voci. Fu lei stessa a chiedere di consultare un sacerdote. I genitori non vollero accontentarla, ma due sacerdoti iniziarono segretamente a pregare per lei. Purtroppo, morì, in meno di un anno!

“L’esorcista”: ispirato ad una delle possessioni demoniache più orrende

Roland Doe (nome di fantasia, per preservare la privacy), a cui è stato ispirato il film “L’esorcista”, negli anni ’40, aveva consultato la tavola Ouija, per contattare la zia morta. Iniziò a sentire strani suoni, mentre gli oggetti sacri della sua casa gli si muovevano intorno. Roland Doe parlava altre lingue e presentava dei graffi sul corpo, come lasciati da artigli. La sua voce si modificava, levitava, il suo corpo si contorceva. Ci vollero ben 30 esorcismi per liberarlo dalla possessione. Le sue urla si sentirono a distanza di metri e metri, come pure uno strano odore di zolfo.

Nel 2008, lo psichiatra Richard E. Gallagher, sospettò che la sua paziente Julia fosse posseduta, poiché aveva assistito a strani fenomeni, durante le sedute: gli oggetti volavano per la stanza, Julia parlava lingue diverse, levitava, inoltre conosceva i “segreti” di persone che incontrava casualmente.

Tavola Ouija
Tavola Ouija – photo web source

Arne Cheyenne Johnson, invece, uccise il suo padrone di casa, negli anni ’80. Il suo avvocato cercò di dimostrare che era stato posseduto. Le prove c’erano e non negarono la soprannaturalità dell’omicidio, ma, ovviamente, non bastarono a farlo graziare.

Nel 1976, David Berkowitz terrorizzava New York. Era un serial killer che, una volta arrestato, spiegò come ogni omicidio gli fosse stato comandato da un demone. In effetti, precedentemente, aveva fatto parte di una setta satanica.

Quando la possessione rende violenti

Michael Taylor e la moglie Christine erano una coppia molto religiosa della Gran Bretagna. Nel 1974, Michael cambiò atteggiamento, in preda a strani sbalzi di umore. Passarono mesi, mentre il suo comportamento diventava sempre più folle. Un esorcismo molto lungo cacciò via da lui ben 40 demoni. Un demone assassino era rimasto, però, a dominarlo, lo avevano affermato i sacerdoti che pregavano su di lui. Purtroppo, giunto a casa, Michael uccise la moglie!

George Lukins era un uomo inglese che, nel 1778, aveva cominciato a cantare con una voce che non gli apparteneva e a ritroso. Venne portato in Chiesa, poi in un ospedale, mentre continuava ad urlare che era un demone! 7 sacerdoti lo esorcizzarono, unendo le loro forze, e lui tornò ad essere quello di prima, lodando Dio.

Anna Ecklund aveva 14 anni, quando diede segno di possessione demoniaca. Il padre e la zia praticavano la stregoneria e avevano maledetto la ragazza! Anna rifiutava ogni manufatto religioso, non riusciva ad entrare in Chiesa e divenne sessualmente depravata. Quando i sacerdoti cercarono di aiutarla, il padre e la zia la maledirono di nuovo e ancora e ancora! La liberazione richiese molto tempo.

Leggi anche – Anneliese, la ragazza che si arrampicava sui muri

Antonella Sanicanti

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]