Perdonali Mamma: Le ultime parole di una bambina bruciata viva..

persecuzione-dei-cristiani-foto2

I nuovi martiri continuano a dare la loro vita in favore della loro fede ,e la testimoniano fino alla morte non rinnegando il loro credo. Non fuggono di fronte alle persecuzioni anche se sono consapevoli dei rischi nei quali incorrono.  Quale Dio vorrebbe una tale violenza in suo nome, o autorizzerebbe tali massacri questa è la domanda che ci poniamo, è la risposta è nessun Dio. Questi seguono satana e le loro legioni e compiono massacri in suo nome, infatti le vittime prefissate sono i cristiani sarà un caso, secondo noi no . Bisogna dire le cose come stanno, e il mondo distratto a tutto ciò , permette che tutto questo accada nella più completa indifferenza, in modo vergognoso.

Era lo scorso 20 maggio ci troviamo a Mosul,  in Iraq. alcuni miliziani dell’Isis fanno irruzione in una casa di Cristiani , per riscuotere la tassa obbligatoria messa come giogo sulla loro testa, la mamma non apre subito la porta perchè la sua bambina di dodici anni era sotto la doccia, ed ha chiesto gentilmente di aspettare due minuti , il tempo che lei finisse di lavarsi . E loro per tutta risposta hanno appiccato il fuoco alla casa e soprattutto nel bagno. Così una bambina cristiana di soli  12 anni è morta arsa viva dal fuoco,  e  vano è stato il tentativo della madre di tirarla fuori viva dal rogo. Ma la cosa che più meraviglia sono le ultime parole pronunciate dalla bimba:“Perdonali mamma”.

 

Storie di guerra, terribili, racconti che schiacciano il cuore, Iraq, paesi arretrati, coscienze deviate, cose da quarto mondo.

Stati Uniti d’America, paese evoluto, diritti civili, modernizzazione, nessuna guerra in corso, Peter Singer, promulgatore della linea della “parità” tra uomini e bestie,  In un’intervista radiofonica afferma :

“Stiamo già compiendo dei passi che portano alla terminazione consapevole e intenzionale della vita dei bambini gravemente disabili”, e questo porterà a porre termine a vite inutili di bambini  malati, ad una riduzione di costi ospedalieri, un vantaggio per le famiglie  e tutta la società ne beneficerà.

Anche la sostenibilità etica della soppressione dei disabili gravi  adulti attraverso l’”eutanasia non volontaria”, ovvero la decisione di staccare le spine che li tengono in vita, sempre secondo Singer, è una linea di pensiero destinata a spuntarla.

Se è vero che un popolo, una civiltà, un mondo….si riconosce da come tratta i suoi bambini e i più deboli,  allora possiamo definire che oggi il mondo è definitivamente marcio.

Marcio….quasi fino alla fine, resta una piccola parte che ancora dà voce a questi innocenti, a quel “Perdonali” che fa ancora sperare che prima o poi il bene tornerà.