Ecco perché l’Isis non si può fermare se non con l’Intervento di Dio!

“Riempire le loro strade di esplosivi. Attaccare le loro basi. Irrompere nelle loro case. Tagliare le loro teste. Non lasciare che si sentano sicuri. Uccidere gli infedeli, i civili e i militari.” Questo è il proclama che Abu Mohammed al-Adnani, portavoce dello Stato Islamico sedicente, ha lanciato a fine estate 2014 per la legione dei suoi accoliti che hanno dichiarato guerra ai crociati occidentali. Da allora i mercenari obbedienti del califfato hanno soddisfatto gli ordini seminando il terrore per le strade di Parigi o Bruxelles. Le immagini di dolore di ieri, come un crudele “déjà vu”, hanno attraversato la capitale belga come una prova delle intenzioni omicide dell’organizzazione che gestisce Abu Bakr al-Baghdadi. “L’ ISIS è un’organizzazione terroristica con la capacità di attivare ed eseguire attacchi da parte di cellule dormienti; in Siria e in Iraq , come Parigi o Bruxelles attivando il comando terroristico con un telecomando.
“Data la crescente pressione subita dai media e nel califfato, l’Isis sta spostando il suo fronte battaglia verso quelli considerati responsabili per il bombardamento di Raqqa e Mosul, sta inviando al mondo il messaggio che è presente ovunque ed è in grado di effettuare attacchi, nonostante l’aumento delle misure di sicurezza “, aggiunge il ricercatore Jasmine Opperman al giornale El Mundo. E’ stata confermata l’esistenza di una vasta rete jihadista nella capitale belga che ha contribuito, con almeno un centinaio di combattenti nelle file di Isis e la cui mano ha imperversato negli attacchi di Parigi lo scorso novembre.

Il post in cui viene raffigurato un uomo incappucciato che sovrasta il Colosseo con la scritta "Domani il Corano a Roma come a Parigi", dal sito Wikilao, che è in possesso del fotomontaggio, sulla cui provenienza sono in corso accertamenti, 15 gennaio 2015. Secondo Wikilao, le indagini già compiute dall'intelligence hanno stabilito che il messaggio è stato postato su un social network islamista da un supporter dell'Isis. ANSA / WEB
Il post in cui viene raffigurato un uomo incappucciato che sovrasta il Colosseo con la scritta “Domani il Corano a Roma come a Parigi”, dal sito Wikilao, che è in possesso del fotomontaggio, sulla cui provenienza sono in corso accertamenti, 15 gennaio 2015. Secondo Wikilao, le indagini già compiute dall’intelligence hanno stabilito che il messaggio è stato postato su un social network islamista da un supporter dell’Isis. ANSA / WEB
“Gli attacchi disegnano una vasta rete che coinvolge più persone di quanto si possa immaginare, nessun azione spontanea, ma membri di una cellula organizzatissima che firma e coordina gli attacchi”, ha detto al giornale Adam Deen, un ricercatore presso la Quilliam Foundation britannica. Il suo “modus operandi” è lontano da attacchi da parte di lupi solitari. “La polizia deve affrontare una minaccia maggiore, che comprende il suicidio dei kamikaze e gli scenari di attacchi mobili, dove ogni singolo aggressore può effettuare una serie di sparatorie in più sedi fornito di un gran numero di armi da guerra”, spiega David Kilcullen, un ex consigliere del Dipartimento di Stato. Guerriglia urbana sul suolo europeo. Le esplosioni presso l’aeroporto e la stazione della metropolitana sono ora nuove pietre miliari nel percorso del terrore inaugurato nella capitale francese. “Non sono stati isolati gli attacchi perpetrati dall’esterno del paese. Essi hanno rilevato l’esistenza di gruppi paramilitari e clandestini, meglio organizzati e formati rispetto ad altre filiali internazionali della Isis, ma pronti e in attesa di raggiungere livelli avanzati operanti in Francia, Belgio, Germania, Danimarca e Paesi bassi. “L’Isis non ha un unico obiettivo. Siamo di fronte ad una rivolta jihadista globale. Nessun paese in Occidente è al sicuro da un attacco . si tratta di un attacco contro l’occidente in generale “.
Solo Dio ci può aiutare!