Perchè Gesù e la Madonna, scelgono sempre i più umili , i meno istruiti?

Quando si parla della apparizioni, qualunque di queste, vengono insinuati dagli scettici sempre gli stessi dubbi: Possibile che le apparizioni capitino sempre in nazioni a prevalenza cattoliche e a cattolici? Come mai tutti i veggenti sono scarsamente istruiti? Ciò che si vuole fare emergere con queste domande è il dubbio sulla veridicità delle suddette e la possibilità che si diffondano per credulità dei protagonisti. Viene quanto meno escluso che sia stata ordita una truffa ai danni dei credenti.

Ragionando su queste domande è giusto concordare che le apparizioni avvengano quasi esclusivamente a cattolici in nazioni a prevalenza di fede cattolica. Qual’è il motivo di tale ricorrenza? Sarebbe facile concludere il discorso dicendo che un ateo fortemente scettico non saprebbe riconoscere un miracolo nemmeno se lo avesse di fronte, proverebbe a giustificare razionalmente quello che ha visto o gli è capitato. Ma andiamo indietro nel tempo per dimostrare che ci sono casi in cui le apparizioni sono capitate a non credenti che, in seguito proprio alla visione ricevuta, sono successivamente diventati cattolici.

Andando a memoria il primo esempio che viene in mente si trova nel Vangelo: a ricevere la visione è il centurione romano Cornelio, la cui conversione ha inizio dopo l’apparizione di un angelo che gli comanda di mandare un messaggio a Pietro: “Le tue preghiere e le tue elemosine sono salite dinanzi a Dio ed egli si è ricordato di te. Ora manda degli uomini a Giaffa e fa’ venire un certo Simone, detto Pietro. Egli è ospite presso un tale Simone, conciatore di pelli, che abita vicino al mare”. Pietro rimase colpito dal fatto che a portare un messaggio del Signore fosse un uomo che non era né cristiano né giudeo, ma giudicò le sue parole sincere ed accolse il suo messaggio.

Uno scettico potrebbe obiettare che si tratta di una versione dei fatti scritta da un uomo migliaia di anni fa e che la sua attendibilità è scarsa, per tanto, a guisa d’esempio, citiamo ciò che accadde nel XX secolo a Bruno Cornacchiola, uomo nativo di Roma ma Battista e avventista del settimo giorno. Ciò che è noto è che un giorno, mentre preparava uno scritto teso a screditare l’Immacolata Concezione i suoi bambini, che nel frattempo giocavano in giardino, d’improvviso si bloccarono a fissare qualcosa. L’uomo andò a controllare cosa stessero guardando ed in quel momento vide una donna bellissima, era la Madonna che gli disse:

“Io sono la Vergine della rivelazione. Tu mi perseguiti. Adesso basta! Entra nel santo ovile. Il Dio promesso è e resta immutabile: i nove venerdì del santo Cuore, che tu hai celebrato, spinto dall’amore della tua moglie fedele prima che tu prendessi definitivamente la via dell’errore, ti hanno salvato”. Dopo essersi presentata gli consegno un messaggio da portare ai pastori:

“Io desidero lasciarti una prova che quest’apparizione viene direttamente da Dio, così tu non puoi avere nessun dubbio ed escludere che essa provenga dal nemico dell’Inferno.

Questo è il segno: appena incontri per la strada o in chiesa un prete, rivolgigli queste parole: ‘Padre io devo parlare con lei!’. Se quello risponde: ‘Ave Maria, figlio mio cosa vuoi?’, allora pregalo di ascoltarti perché tu sei stato scelto da me. A lui puoi manifestare cosa c’è nel tuo cuore affinché egli possa raccomandarti e introdurti a un altro prete: quello sarà il prete giusto per il tuo caso! Poi sarai ammesso dal Santo Padre, il Sommo Pontefice dei cristiani, e gli trasmetterai il mio messaggio. Una persona che io ti mostrerò ti introdurrà da lui. Molti, ai quali tu narrerai questa storia, non ti crederanno, ma non lasciarti influenzare”.

Dopo questo episodio Cornacchiola andò davvero a colloquio con il Papa e qualche anno dopo la Madonna gli apparve nuovamente per fornire delle disposizioni su dove doveva essere eretto un santuario. Questi due esempi dimostrano che le apparizioni possono capitare anche ai non cattolici, ma perché questo avvenga bisogna che il soggetto in vita abbia fatto un gesto di carità o che sia di animo disposto al cambiamento.

Per quanto riguarda la questione “Istruzione” è vero che la maggior parte delle apparizioni capitano a bambini privi della stessa, questo perché il Signore predilige gli umili ed i poveri e poiché i bambini sono più disposti a condividere il messaggio. Ciò nonostante esistono casi in cui uomini dotti ed istruiti sono stati benedetti da un natale durante un’apparizione: il 7 aprile del 1858 Bernadette (la veggente di Lourdes) si recò nella grotta e cadde in trance davanti ad una folla di abitanti, tra loro c’era anche un dottore. Durante la trance la ragazzina pose senza accorgersene le mani sopra la fiamma di una candela, il medico osservò attentamente quanto stava accadendo e quando la trance è terminata (durò una mezz’ora buona) andò a controllare le mani di Bernadette notando che non c’era traccia di bruciature. Quella per il dotto medico fu la prova che le apparizioni erano vere, che Dio esisteva.

Come si può desumere non è sempre vero che le apparizioni capitino solo a credenti ed incolti, ma è indubbiamente vero che questi sono prediletti poiché disposti ad accogliere il messaggio che Dio vuole affidargli e quindi propensi a diffonderlo e a dare un beneficio al maggior numero possibile di persone.