Papa Francesco e la storia dei pinguini gay

 

Papa Francesco e la storia dei pinguini gay
Pinguini gay

Papa Francesco, tempo fa, fu protagonista, suo malgrado, di una bufala clamorosa, che lo voleva sostenitore di un’autrice per libri, che propagandavano la teoria gender.
L’autrice in questione aveva scritto il racconto “Piccolo Uovo”, la storia di una coppia di pinguini gay, che decidono di adottare un piccolo pinguino rimasto orfano.
Tutto questo per esprimere tranquillamente, ed inculcare anche nei più piccoli, il pensiero diffuso dalle lobby Lgbt, sulle adozioni che gli omosessuali pretendono di poter raggiungere.

Del resto, l’autrice viveva con la sua compagna, donna con la quale aveva fondato una casa editrice per bambini, per l’appunto.
La Sala Stampa del Vaticano, in quell’occasione, ribadì, subitaneamente, l’estraneità del Pontefice, in merito alla faccenda, con una secca smentita, che sottolineava l’abilità della scrittrice di usare le parole del Papa a suo piacimento e in maniera del tutto fuorviante: ”In risposta ad una lettera al Santo Padre di Francesca Pardi (l’autrice), dai toni educati e rispettosi, la Segreteria di Stato ha accusato ricezione della medesima con uno stile semplice e pastorale, precisando in seguito che si trattava di una risposta privata e quindi non destinata alla pubblicazione (cosa che purtroppo è avvenuta).

In nessun modo, la lettera della Segreteria di Stato intende avallare comportamenti e insegnamenti non consoni al Vangelo, anzi auspica “una sempre più proficua attività al servizio delle giovani generazioni e della diffusione degli autentici valori umani e cristiani”.”.
Seguiva la usuale benedizione del Papa, alla persona in questione e non ai suoi scritti.

Lo stesso Papa Francesco, aveva ribadito: “Mi domando, se la cosiddetta teoria del gender non sia anche espressione di una frustrazione e di una rassegnazione, che mira a cancellare la differenza sessuale, perché non sa più confrontarsi con essa. Sì, rischiamo di fare un passo indietro”.
Dunque, come poteva incoraggiare l’adozione di un baby pinguino, da parte di due pinguini adulti e dello stesso sesso, che non potevano essere né la sua mamma, né il suo papà?

Antonella Sanicanti