Se dovessi incontrare il Papa: il giusto comportamento da tenere

Ad ognuno di noi piacerebbe parlare con il Papa. Ma ci siamo mai chiesti come ci si rivolge al Pontefice? Ecco alcune indicazioni.

papa colloquio
photo Getty Images

Parlare con il Papa non è sempre facile: si tratta della più alta autorità della Chiesa Cattolica e, parlare con lui, esige prima di tutto rispetto.

Parlare con il Papa: è possibile?

Quanto mi piacerebbe poter scambiare quattro chiacchiere con il Papa”: ecco. Chi di noi non ha mai detto questa frase…specie quando vediamo la giovialità dell’attuale Papa, Francesco.

Ma è possibile avere un colloquio con lui? È possibile poterlo incontrare da vicino, magari a tu per tu? Non è così semplice, ma non è nemmeno impossibile. Ecco alcune indicazioni che ci permettono di capire come è possibile parlare al Santo Padre.

Partiamo da una lettera. Essendo un’autorità, civile o religiosa che sia, dobbiamo pensare che stiamo per scrivere una lettera formale, non di certo una lettera ad un nostro amico. Perciò, usiamo un linguaggio formale, cortese e gentile. Non è necessario essere troppo forbiti nello scrivere, basta il linguaggio del cuore.

È opportuno ricordare, però, che il Santo Padre è una persona molto occupata. Non facciamo troppi giri di parole: arriviamo subito al dunque, a ciò che il nostro cuore ed il nostro animo desiderano dirgli.

Una lettera al Papa

Pensiamo, inoltre, che al Papa, non scrive solo chi è cattolico, ma anche chi non lo è o è di un’altra religione. Per questo, oltre ad una conclusione che sia educata e corretta nei confronti della persona alla quale ci rivolgiamo (del tipo: “Ho l’onore di professarmi con profondo rispetto. Il servo più umile ed obbediente di Sua Santità”), è necessario, almeno, congedarsi con il dovuto rispetto.

A chi indirizzare la lettera? Ovviamente al Pontefice, con la dicitura sulla busta “Sua Santità, ________” e con i dovuti indirizzi:

  • Sua Santità, Papa Francesco PP. / Casa Santa Marta / 00120 Città del Vaticano;
  • Sua Santità, Papa Francesco / Palazzo Apostolico / Città del Vaticano;
  • Sua Santità, Papa Francesco / 00120 Città del Vaticano;

La lettera non deve obbligatoriamente essere inviata a mezzo postale. Anche il Vaticano ha una mail che dispensa, poi, le singole missive anche al Papa:

Papa Francesco
Papa Francesco (websource)

A colloquio con il Papa

E se volessimo incontrarlo di persona? Certo, il Pontefice concede delle udienze private anche a singoli fedeli. Mettiamo il caso che ci ricevesse, come lo si saluta? Come ci si rivolge a lui? Cosa dirgli e cosa non dirgli? Anche qui ci sono delle precise indicazioni.

Partiamo dal saluto iniziale. Stringergli la mano e salutarlo con l’appellativo “Sua Santità” o al massimo “Santo Padre” è la prima cosa. Se la stanza in cui ci riceve è piccola o, comunque, ci sono poche persone, applaudiamo in modo cortese (e non fragoroso) al suo arrivo.

Inchiniamoci e baciamogli la mano sulla quale è indossato l’anello Piscatorio. L’anello Piscatorio è il simbolo e il sigillo del suo ufficio. Baciandolo mostri allo stesso tempo rispetto e sincera riverenza verso la persona che detiene questo potere.

Cosa dirgli?

Il momento del colloquio vero e proprio. Anche in questo caso, parliamo in modo tranquillo e apriamogli il nostro cuore. Siamo concisi su ciò di cui vogliamo parlargli.

Teniamo sempre presente una cosa: siamo a colloquio con il Papa, non con una persona qualunque. Evitiamo di incorrere in spiacevoli episodi (come quello della donna che ha strattonato Papa Francesco, per farlo a lei avvicinare), facendo sì che il tutto si svolga sempre nella massima educazione possibile.

Ricordiamo, infine, che anche l’abito fa la sua parte. Stiamo per andare al colloquio con il Papa, un’autorità civile e religiosa. Per questo è opportuno vestirsi in modo consono, rispettoso ed adeguato al luogo: gli uomini dovrebbero essere in completo, cravatta e scarpe lucide. Le donne dovrebbero indossare un tailleur o un abito discreto, con le braccia coperte e le gonne sotto al ginocchio.

I tweet di Papa Francesco

Insomma: come dicevamo all’inizio, non è impossibile parlare al Papa. Con la moderna tecnologia, l’attuale Papa, Francesco, risponde anche ai tweet dei suoi fedeli, attraverso il suo account ufficiale.

Siamo in tanti, è vero: ma se abbiamo pazienza, Papa Francesco risponderà a tutti.

ROSALIA GIGLIANO

Fonte: wikihow.it

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it