Papa Francesco: vieta regali costosi ai cardinali e stabilisce un limite

Il Santo Padre cerca di mettere ordine, in particolare fra gli alti funzionari dello Stato Vaticano, cardinali compresi.

papa francesco
photo web source

Una nuova legge anti corruzione è stata promulgata per la Santa Sede, per dirigenti ed amministrativi e, fra essi, anche per i porporati che ricoprono questi ruoli. Una vera e propria norma sulla trasparenza per avere dirigenti puliti e privi di condanne.

Il Pontefice: una nuova legge

Papa Francesco, con un Motu Proprio sulla trasparenza, ha richiesto ad ogni dirigente dello Stato Vaticano e a tutti gli amministrativi che svolgono, anche, funzioni di controllo e giurisdizionali, la firma di un documento. Una vera e propria dichiarazione nella quale sottoscrivano di non avere condanne né per evasione, né per terrorismo o per frode. Ma ciò che colpisce più di tutti è la dichiarazione di “non detenere contanti o investimenti in paesi ad alto rischio di riciclaggio o finanziamento del terrorismo”, i cosiddetti paradisi fiscali.

Una necessità da parte del Pontefice di dare un ordine, una regola comune per l’intero Stato e per tutti coloro che vi lavorano. Una linea comune che sia da esempio e che segua la Dottrina della Chiesa.

Non si devono accettare regali oltre i 40 euro

Una novità su tutte riguarda un passaggio di questo documento emanato: “E’ proibito a tutti i dipendenti, accettare regali del valore superiore a 40 euro. “La fedeltà nelle cose di poco conto è in rapporto, secondo la Scrittura, con la fedeltà in quelle importanti” – con queste parole inizia il Pontefice nel suo documento.

La necessità di combattere la corruzione, da parte, di Francesco, è alla base del suo Pontificato. Il Motu proprio emanato segue quello del 19 maggio 2020 quando aveva promulgato il nuovo codice degli appalti: “La corruzione può manifestarsi in modalità e forme differenti anche in settori diversi da quello degli appalti. Per questo le normative e le migliori prassi a livello internazionale prevedono per i soggetti che ricoprono ruoli chiave nel settore pubblico particolari obblighi di trasparenza ai fini della prevenzione e del contrasto, in ogni settore, di conflitti di interessi, di modalità clientelari e della corruzione in genere” – ha spiegato il Santo Padre.

Un documento che firmeranno tutti, anche i Cardinali dirigenti

Nuovi punti, quindi, aggiunti al regolamento generale della Curia Romana che tutti sono tenuti a rispettare, anche i Cardinali e tutti i dipendenti collocati i livelli funzionali C (fra questi anche i Monsignori capi di dicastero): dovranno sottoscrivere al momento dell’assunzione e poi con cadenza biennale una dichiarazione.

Cosa occorre dichiarare

Nessuna condanna (né nello stato Vaticano né in altri Stati), non aver beneficiato di indulto, amnistia o grazia, non essere sottoposti a processi penali pendenti o a indagini per partecipazione a un’organizzazione criminale; non detenere” partecipazioni o “interessenze” in società o aziende che operino con finalità contrarie alla Dottrina sociale della Chiesa, assicurare che i beni di loro proprietà non abbiano provenienza da attività lecite: questo è ciò che dovranno dichiarare.

Norme necessarie e utili per far sì che la Chiesa non diventi lei stessa un paradiso fiscale, sviandosi così dal suo naturale ruolo di cura delle anime.

LEGGI ANCHE: Vaticano, estorsione sui soldi destinati ai poveri. Scattano le manette

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it