Papa Francesco: “Guardiamo a San Pietro, testimone di Cristo Risorto”

Un appello a pregare per la pace, ma soprattutto per chi è solo ed abbandonato: è il messaggio di Papa Francesco all’Udienza Generale del mercoledì.

papa francesco udienza mercoledi
photo Getty Images

“Guardando alle piaghe di Gesù, ci rendiamo conto della sofferenza di chi non ha nulla e nessuno” – ha detto il Santo Padre nel suo messaggio.

Un’udienza generale, come sempre affollata, quella del mercoledì di Papa Francesco. Pregare insieme per la pace e per chi soffre: è stato questo uno dei passaggi principali dell’intero discorso papale: “Non si ripetano mai più tragedie come quella della Seconda Guerra Mondiale, di cui, il 1 settembre, ricorre l’80esimo anniversario del suo inizio” – ha detto Francesco.

Papa Francesco: “Pietro è il principale testimone”

Non dobbiamo spaventarci davanti a chi ci comanda, a chi ci calunnia e a chi vuole o attenta alla nostra vita. Chiediamo al Signore di rafforzarci interiormente per essere certi della sua presenza al nostro fianco” – ha continuato il Santo Padre.

Francesco ha incentrato il suo messaggio anche sullapostolo Pietro e sulla missione affidatagli da Cristo: “Lui è il principale predicatore e testimone di Cristo Risorto. Anche lui ha compiuto molti miracoli in vita, suscitando così l’odio e l’ira dei Sadducei che lo hanno visto come un nuovo Gesù. Ma è proprio da Pietro che dobbiamo prendere esempio per essere dei veri cristiani: <<Obbedisco prima a Dio e poi agli uomini>> disse Pietro” – ha continuato Papa Francesco.

Nella sua catechesi sul libro degli Atti degli Apostoli, Francesco chiede a Dio di illuminarci e farci essere come Pietro: “Chiediamo anche noi allo Spirito Santo la forza di non spaventarci davanti a chi ci comanda di tacere, davanti a chi ci calunnia. Chiediamogli di rafforzarci con l’azione risanatrice dello Spirito” – ha detto il Papa.

Papa Francesco: “Senza gli Apostoli, non avremmo conosciuto Cristo”

Altro punto del suo messaggio è il “capire che senza Pietro e gli altri Apostoli, l’effusione della tenerezza del Risorto, noi non l’avremmo mai conosciuta. Così Dio stesso ha manifestato la sua dignità, la sua prossimità a noi, attraverso le piaghe di Cristo, attraverso la sofferenza degli ammalati. Lì è davvero presente Gesù, e chi chiama affinchè noi possiamo guarire queste persone, se non nella carne, anche solo nell’animo” – ha concluso il Santo Padre.

L’appello per la pace

Papa Francesco infine, ricordando l’anniversario prossimo dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale (il 1 settembre), ha rivolto un appello di pace: “Mai più le guerre. Non si ripetano mai episodi del genere, episodi di odio così grande da provocare morte e sofferenza”.

ROSALIA GIGLIANO

Fonte: vaticannews.va

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]