Papa Francesco: servire gli ultimi come intenzione del Giubileo

Schermata 2015-12-05 alle 10.48.12

L’importanza del servizio agli altri, specialmente se bisognosi è propria dell’intenzione giubilare. Lo scrive il Papa nella lettera inviata ad Angelo Scelzo, vicedirettore della Sala Stampa vaticana per gli accrediti giornalistici, in occasione della presentazione a Roma del suo libro “Il Giubileo. La misericordia. Francesco”. “L’Anno Santo – ha detto il cardinale segretario di Stato Parolin – é avvertito dal Papa come un’urgenza della Chiesa dei nostri tempi chiamata ad uscire verso le periferie esistenziali”. Il servizio di Paolo Ondarza:

Il primo Giubileo tematico della storia, quello che la Chiesa si appresta a vivere. Lo sottolinea il cardinale Parolin che parla di un passo ulteriore della Chiesa in uscita verso le periferie esistenziali: misericordia è attributo di Dio per islam e cristianesimo, constata il segretario di Stato, secondo il quale non sono da escludere durante l’Anno Santo momenti di incontro tra  cristiani e musulmani:

“Penso che si potrebbero cercare delle modalità per dimostrare la volontà delle due religioni di collaborare e di applicare questo principio”.

Giubileo è anche occasione per costruire sentieri di pace in un momento caratterizzato da terrore, paura, diffidenza…

“E’ quello che il Signore ci dice sempre di fare: vincere il male con il bene”.

La riforma della struttura economica in Vaticano va avanti, garantisce il cardinale Parolin:

“Il Papa lo ha già ribadito di fronte agli ultimi avvenimenti e alla situazione che si è creata che le riforme vadano avanti: si abbia più trasparenza, più efficacia, più razionalità e anche, diciamolo, anche più onestà”.

Infine, sulla sicurezza della città in vista dell’apertura della Porta Santa:

“Credo che siano state espresse delle preoccupazioni in riferimento a quanto è successo, ma mi pare che prevalga una certa serenità affidandoci nelle mani di Dio e naturalmente, come si sta facendo, cercando di mettere in atto tutti quegli accorgimenti che permettano uno svolgimento sereno dell’avvenimento”.

Il Giubileo non è un problema per la città di Roma garantisce il prefetto della Città di Roma Franco Gabrielli:

“Noi siamo consapevoli dei rischi, ma stiamo lavorando perchè questi rischi siano quanto più contenuti per consentire ai cittadini di vivere una condizione di vivibilità ordinaria, pur consapevoli della straordinarietà che stiamo vivendo”.

Ma i problemi ordinari della città di Roma come incidono sulla straordinarietà di un evento come quello giubilare?

“Io continuo ad essere molto più preoccupato della straordinaria ordinarietà di questa città che non dello straordinario evento giubilare.

Giubileo della Misericordia vuol dire attenzione misericordiosa ai poveri, agli ultimi e alle persone provate dalla vita, scrive il Papa nel messaggio inviato all’autore del libro Angelo Scelzo, esprimendo particolare apprezzamento per le illustrazioni delle opere di misericordia affidate ad un artista diversamente abile. Una scelta, secondo Francesco che sottolinea la “pari dignita’ di ogni essere umano” e il necessario “servizio agli altri specie se bisognosi”. Così Scelzo parla del suo testo:

“E’ una guida per seguire bene il Giubileo, per capirne il significato, per seguirne gli eventi in maniera completa. Credo che sia soprattutto utile. Credo che sia un libro che possa rendere più agevole il cammino verso l’avvicinamento a questo evento”.

fonmte:radiovaticana