Papa Francesco: possiamo e dobbiamo fare di più per il dialogo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:13

In occasione dei 25 anni dell’Enciclica “Ut unum sint”, il Santo Padre confida una sua sana e santa impazienza.

papa francesco
photo web source: avvenire.it

“Penso a quanto potremmo e dovremmo fare di più”: Papa Francesco propone ancora un miglioramento per il dialogo Ecumenico.

Papa Francesco torna sul dialogo Ecumenico

Un dialogo Ecumenico che può esser migliorato, ancora ed ancora. Papa Francesco, in occasione dei 25 anni dell’Enciclica di San Giovanni Paolo II, “Ut unum sint”, scrive una lettera a tutti i Vescovi. “Il Concilio Vaticano II ha riconosciuto che il movimento per il ristabilimento dell’unità di tutti i cristiani è sorto per grazia dello Spirito Santo”.

“Lo Spirito Santo accresce la nostra missione”

Francesco, poco prima della celebrazione della Pentecoste, ha scritto a tutti i Vescovi con un intento ben preciso: il Dialogo Ecumenico. “Lo Spirito Santo realizza la diversità di grazie e di ministeri ed è principio dell’unità della Chiesa. E la Ut unum sint ribadisce che la legittima diversità non si oppone affatto all’unità della Chiesa, anzi ne accresce il decoro e contribuisce non poco al compimento della sua missione”.

Papa Francesco: “La sana impazienza di fare di più”

Questa Enciclica e questo particolare anniversario, è visto dal Santo Padre come un vero momento di grazia e, in un momento particolare come quello che stiamo vivendo, anche occasione per rafforzare il dialogo fra diverse confessioni, a partire dall’interno del credo Cristiano: “Rendo grazie al Signore per il cammino che ci ha concesso di compiere come cristiani nella ricerca della piena comunione.

papa francesco gettyimages
papa francesco gettyimages

Anch’io condivido la sana impazienza di quanti a volte pensano che potremmo e dovremmo impegnarci di più […] In questo momento il mio pensiero va a miei amati Fratelli posti a capo delle diverse Chiese e Comunità cristiane […] Come i discepoli di Emmaus, possiamo sentire la presenza di Cristo risorto che cammina accanto a noi e ci spiega le Scritture e riconoscerlo nella frazione del pane, in attesa di condividere insieme la Mensa Eucaristica”.

“Lo Spirito ci aiuti nella ricerca dell’unità”

Papa Francesco conclude la sua lettera con una preghiera, affinchè lo Spirito Santo illumini le menti di ognuno di noi: “L’unità dei cristiani non è principalmente il risultato della nostra azione, ma è dono dello Spirito Santo. Essa tuttavia non verrà come un miracolo alla fine: l’unità viene nel cammino, la fa lo Spirito Santo nel cammino”.

ROSALIA GIGLIANO

Fonte: lastampa.it

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]