Papa Francesco: la preghiera per la pace da Bari

Papa Francesco: la preghiera per la pace da Bari
Papa Francesco

Come preannunciato e atteso, Papa Francesco è stato a Bari, per pregare per la pace e le chiese Medio Orientali.
Con lui erano presenti i capi delle Chiese delle comunità cristiane del Medio Oriente, che si sono recati, nella città pugliese, per la preghiera ecumenica, per “le nostre Chiese, i popoli e le molte persone che vivono situazioni di grande sofferenza”.

Il Medio Oriente, luogo da cui provengono tantissimi di quei Santi che, oggi, consideriamo i pilastri della nostra fede, è anche e purtroppo prolifico di guerre e devastazioni continue, in mezzo alle quali è difficile difendere la fede, è difficile sopravvivere.
Da quelle terre le migrazioni sono moltissime -come sappiamo- e le autorità, ancora oggi, non riescono -o non vogliono riuscire- a sistemare le cose, ad arginare il flusso di violenze e di eccidi, che si perpetuano, anno dopo anno.

Il Papa ha ribadito che i cristiani “non solo quando tutto intorno è radioso, ma anche quando, nei momenti bui della storia, non si rassegnano all’oscurità, che tutto avvolge e alimentano lo stoppino della speranza con l’olio della preghiera e dell’amore” devono riuscire ad essere il sale della terra, per dare nuovo vigore a coloro che credono in Dio.
La situazione di molti comunità cristiane, oltre il Mediterraneo, è davvero tragica, ma questo non deve farci desistere dalla preghiera e dalla speranza che per un futuro più sereno.

Ed ecco la preghiera che Papa Francesco ci ha invitato a fare, sabato 7 Luglio, da Bari: “Preghiamo uniti, per invocare dal Signore del cielo quella pace che i potenti in terra non sono ancora riusciti a trovare. Dal corso del Nilo alla Valle del Giordano e oltre, passando per l’Oronte fino al Tigri e all’Eufrate, risuoni il grido del Salmo: “Su te sia pace!” (122,8). Per i fratelli che soffrono e per gli amici di ogni popolo e credo, ripetiamo: Su te sia pace!
Col salmista imploriamolo in modo particolare per Gerusalemme, città Santa amata da Dio e ferita dagli uomini, sulla quale ancora il Signore piange: Su te sia pace!”.

Antonella Sanicanti