Papà disperato ruba le offerte, la reazione del parroco è sorprendente

La mancanza di lavoro, la miseria e la paura di perdere tutto ciò che ha, porta un giovane padre a rubare in chiesa.

Ben 14 volte aveva rubato le offerte dalle cassette per i poveri in chiesa. Fino a quando non è stato individuato dai Carabinieri e dal parroco. Ma questa storia triste ha, però un lieto fine.

Rubare per mantenere la famiglia

Ha solo 23 anni, è nigeriano ed è un giovane padre di famiglia. Non ha un lavoro ma ha una famiglia da mantenere e da portare avanti. La mancanza di denaro l’ha portato a compiere un gesto estremo, quello di rubare. Ma è stato scoperto.

La vicenda ci porta a Caorle, in provincia di Venezia. il giovane ha commesso ben 14 furti, a danno delle cassette per le offerte dei poveri sia nel Duomo che nella chiesa di Santo Stefano e nel Santuario della Madonna dell’Angelo, riuscendo a portar via circa 1000 euro.

L’arresto

I Carabinieri sono riusciti ad individuarlo grazie alle telecamere poste sui luoghi del furto e lo hanno bloccato proprio mentre aveva messo in campo l’ultimo furto, portando via con sé 100 euro e alcuni attrezzi per lo scasso.

Il parroco l’aiuta a trovare lavoro

Individuato, è stato arrestato con l’accusa di furto. Ma, come dicevamo, è una storia che ha un lieto fine. Don Danilo Barlese, che aveva denunciato i furti alle Forze dell’ordine, ascoltando la storia del giovane papà e i motivi del perché avesse compiuto quei furti, ha deciso di aiutarlo a trovare un lavoro. Grazie anche al Comune, il giovane 23enne lavorerà, scontata la breve pena, in uno dei ristoranti del centro turistico.

LEGGI ANCHE: Giovane ruba in chiesa, il sacerdote reagisce in modo del tutto inaspettato

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it