Papa Benedetto XVI e Papa Francesco contro la pedofilia

Papa Benedetto XVI e Papa Francesco contro la pedofilia
Papa Benedetto XVI e Papa Francesco

Papa Benedetto XVI e Papa Francesco si sono molto adoperati, per risolvere la piaga degli abusi sessuali e hanno sempre duramente condannato la pedofilia, all’interno della stessa chiesa.

Grazie a loro, i preti pedofili possano essere condannati e puniti per i loro misfatti, insieme ai Vescovi che hanno abusato del loro ufficio, per coprirli.
Bergoglio, in particolare, ha istituito, all’interno del Vaticano, un Tribunale apposito, per processare tutto il clero che si è macchiato di questa orrenda colpa e che ha dato della chiesa un’immagine pessima.

Dopo ave considerato le proposte del Consiglio dei Cardinali, decise di affidare il compito alla Congregazione per la Dottrina della Fede, perché valutasse la condotta dei preti e dei Vescovi denunciati.
Dunque, ogni atto di pedofilia e ogni altro abuso sui minori o sugli adulti fragili, sono da affidare ad un Segretario, che assiste il Prefetto, nel Tribunale della sede giudiziaria, all’interno della Congregazione per Dottrina della Fede.

Dopo anni di silenzio, Papa Francesco, ha scoperto il vaso di Pandora, che nascondeva i mali più esecrabili della chiesa ed ha rimarcato che, in comunione di intenti con il suo predecessore, Papa Benedetto XVI, “la Congregazione della Dottrina della Fede (…) agisca con decisione, per quanto riguarda i casi di abusi sessuali, promuovendo, anzitutto, le misure di protezione dei minori, l’aiuto di quanti in passato abbiano sofferto tali violenze, i procedimenti dovuti nei confronti dei colpevoli, l’impegno delle Conferenze episcopali nella formulazione e attuazione delle direttive necessarie in questo campo, tanto importante per la testimonianza della Chiesa e la sua credibilità”.

Questo per riportare, all’attenzione di tutti, quanto i bambini abbiano bisogno di protezione, attuabile anche dal Centro per la Protezione dei Minori della Pontificia Università Gregoriana, a cui tutti possono rivolgersi.
Il Papa, nel corso dei mesi, ha celebrato diverse Messe, con la partecipazione delle vittime di abusi; molti li ha incontrati personalmente, per sentire dalla loro voce cosa un rappresentante di Dio è stato capace di fare, tradendo se stesso, la propria fede e tutta la chiesa.

Antonella Sanicanti