Papa Benedetto XVI racconta l’umiltà del grande San Giovanni Paolo II

Alla vigilia del centenario della nascita di Giovanni Paolo II nato a Wadowice il 18 maggio 1920, il papa emerito Benedetto XVI scrive di lui.

San Giovanni Paolo II e il Papa emerito Benedetto XVI

Lo fa in una lettera inviata al cardinale Stanislaw Dziwisz, già arcivescovo di Cracovia e segretario particolare e fedelissimo di papa Wojtyla, che è stata poi diffusa dalla Conferenza episcopale polacca. 

La Chiesa versava in una situazione drammatica

Quando il cardinale Wojtyla fu eletto per succedere a Pietro il 16 ottobre 1978, la Chiesa si trovava in una situazione drammatica. Le deliberazioni del Concilio erano state presentate al pubblico come una disputa sulla fede stessa, dalla quale sembrava essere stato rimosso la caratteristica di inconfondibile e inviolabile sicurezza. (…) I sociologi hanno confrontato la situazione della Chiesa in quel periodo con la situazione dell’Unione Sovietica sotto Gorbachev, quando l’intera potente struttura dello Stato sovietico alla fine è crollata nel tentativo di attuare le necessarie riforme.

In effetti, il nuovo Papa ha dovuto affrontare un compito che umanamente era difficilmente possibile. Ma è accaduto dal primo momento che Giovanni Paolo II ha suscitato un nuovo entusiasmo per Cristo e la sua Chiesa. Prima di tutto, il sermone all’inizio del suo pontificato rimane nell’esortazione: «Non abbiate paura! Aprite, sì, spalancate le porte a Cristo!». Questa chiave alla fine determinò il suo intero pontificato e lo rese un liberatore della Chiesa.

Il Papa ha viaggiato per il mondo in 104 grandi viaggi pastorali e ha proclamato ovunque il Vangelo quale fonte di Gioia, rendendo così comprensibile il suo obbligo di difendere il Bene, per Cristo. In 14 encicliche ha completamente ripresentato in modo nuovo la fede della Chiesa e le sue insegnamento umano. Era inevitabile che innescasse contraddizioni nelle chiese occidentali piene di dubbi.

Il Santuario di Santo Spirito in Sassia a Roma dedicato al culto della Divina Misericordia

Giovanni Paolo II: la Divina Misericordia al centro

(…) Papa Giovanni Paolo II è morto nelle prime ore della festa della Divina Misericordia, appena inaugurata. Vorrei prima aggiungere una piccola osservazione personale che rende visibile qualcosa di importante sulla natura e sull’opera del Papa. Sin dall’inizio, Giovanni Paolo II fu profondamente commosso dal messaggio della suora di Cracovia Faustina Kowalska, che enfatizzava la misericordia divina come un centro essenziale della fede cristiana e desiderava una festa per essa.

Dopo tutte le deliberazioni, il Papa aveva programmato la domenica “in Albis” per questo. Prima che fosse presa la decisione finale, tuttavia, chiese alla Congregazione per la dottrina della Fede di giudicare l’adeguatezza di questa data. Abbiamo detto di no perché pensavamo che una data vecchia e piena di contenuti come quella della domenica “in Albis” non dovesse essere sovraccarica di nuove idee. Non fu certamente facile per il Santo Padre accettare il nostro «No».

Ma lo ha fatto umilmente e ha accettato un nostro «No» una seconda volta. Alla fine, fece una proposta che lasciò la domenica “in Albis” nella sua forma storica, ma che includeva la Divina Misericordia nel suo messaggio originale. Ci sono stati altri casi simili in cui sono stato colpito dall’umiltà del grande Papa, che ha rinunciato alle idee che amava perché non riusciva a trovare l’approvazione degli organi ufficiali, che per questo erano messi in discussione nell’ordine classico.

Giovanni Paolo II: un momento indimenticabile

Per tutta la vita, il Papa si è preoccupato di appropriarsi soggettivamente del centro oggettivo della fede cristiana, la dottrina della salvezza, e di renderlo comprensibile agli altri. La misericordia di Dio attraverso Cristo risorto è per ogni individuo. (…) A questo punto, a proposito, si trova anche l’unità interiore tra il messaggio di Giovanni Paolo II e le intenzioni di base di Papa Francesco: Giovanni Paolo II non è il rigore morale come lo si è parzialmente ritratto.

Alla morte di Papa Giovanni Paolo II, piazza San Pietro era piena di gente, specialmente di giovani che volevano incontrare il loro Papa un’ultima volta. Non posso dimenticare il momento in cui l’arcivescovo Sandri ha proclamato il messaggio della dipartita del papa. Soprattutto, rimane indimenticabile il momento in cui la grande campana di San Pietro ha raccolto questo messaggio.

Il giorno del funerale, c’erano molti cartelli con le parole: «Santo subito!». Era un grido che si levava da tutti i lati, dall’incontro con Giovanni Paolo II. Non in piazza, ma in vari circoli intellettuali, è stata discussa l’idea di assegnare il titolo di “il Grande” a Giovanni Paolo II.

È difficile definire correttamente il termine grande

È più difficile definire correttamente il termine “Grande”. Nel corso di quasi duemila anni di papato, il titolo “il Grande” è stato assegnato solo a due papi, Leone I (440–461) e Gregorio I (590-604). La parola “grande” ha un richiamo politico per entrambi, ma in modo che attraverso il successo politico diventi visibile qualcosa del mistero di Dio stesso. Durante una conversazione, Leone Magno riuscì a convincere Attila, il Principe di Hun, a risparmiare Roma, la città degli Apostoli Principi Pietro e Paolo.

Senza armi, senza potere militare o politico, fu in grado di convincere il tiranno temuto a salvare Roma attraverso il potere della sua convinzione per la sua fede. Nella lotta della mente e del potere, la mente si è dimostrata più forte. Gregorio I non ebbe un simile spettacolare successo, ma fu sempre in grado di proteggere Roma dai Longobardi – di nuovo qui, mettendo lo spirito contro il potere e conquistando lo spirito.

Se confronti entrambe le storie con quella di Giovanni Paolo II, la somiglianza è inconfondibile. Anche Giovanni Paolo II non aveva alcun potere militare o politico. (…) Ma il potere della fede si rivelò essere un potere che alla fine scardinò il sistema di potere sovietico nel 1989 e permise un nuovo inizio. Non c’è dubbio che la fede del Papa sia stata un elemento essenziale nello sconvolgimento dei poteri. E quindi la dimensione che è apparsa in Leone I e Gregorio I è certamente visibile anche qui.

San Giovanni Paolo II

Lasciamo aperto se l’epiteto “il Grande” prevarrà o meno. È vero che il potere e la bontà di Dio sono diventati visibili a tutti noi attraverso Giovanni Paolo II. In un’ora in cui la Chiesa sta di nuovo soffrendo per l’afflizione del male, è per noi un segno di speranza e fiducia.

Fonte: http://www.iltimone.org/news-timone/scritto-inedito-benedetto-xvi-giovanni-paolo-ii/

Simona Amabene  

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

 

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]