Dall’antica Roma, le origini del dolce tipico del Natale: il pandoro

Un dolce tipico del Natale e del periodo di festa che stiamo vivendo. Il pandoro ha origini molto più antiche di quel che si pensa.

pandoro
Il pandoro – photo web source

Probabilmente inventato dai Romani, solo molti secoli dopo il pandoro è diventato il dolce del Veneto più conosciuto in tutta Italia.

Il pandoro: il re delle feste di Natale

E’ il dolce che si consuma di più durante le Feste di Natale; è, come il panettone, il re delle nostre tavole a Natale. Ma ogni anno ci poniamo una domanda, alla quale in pochi sanno dare risposta: quando è nato il pandoro? Chi l’ha inventato?

Quando si pensa “all’invenzione” del pandoro, tutti concordano sulla città di Verona e sulla figura di Domenico Melegatti, pasticciere dell’omonima città. Ma, in realtà, potremmo andare ancora più indietro nel tempo e trovare le origini di questo buonissimo dolce, addirittura, in epoca romana.

pandoro 1
Le origini del pandoro nell’Antica Roma – photo web source

Le origini del dolce: la piccola ricetta che viene dall’antica Roma

Le notizie sono molto scarne. Le origini della ricetta sono da ricercare ai tempi dell’antica Roma: ne fa menzione, uno scritto minore che risale al primo secolo d.C., ai tempi di Plinio il Vecchio. Questo piccolo documento cita un cuoco di nome “Vergilius Stephanus Senex”, che preparò un “panis” (un pane) con fiori di farina, burro e olio.

La ricetta pare derivi anche dal “pan de oro” che veniva servito intorno al XIII secolo sulle tavole dei nobili veneziani.

In effetti, se la confrontiamo con la ricetta ancora usata oggi, gli ingredienti non sono poi tanto cambiati: farina, zucchero, uova, burro, burro di cacao e lievito. Semplicemente, qualche ingrediente in più rispetto a quello dell’antica Roma.

melegatti
Domenico Melegatti e la moglie – photo web source

1894: Melegatti deposita la ricetta del pandoro

Accanto alla versione dell’epoca Romana, si affianca anche quella della fine del 1800, dove il pandoro è visto come evoluzione di un altro dolce veronese, il “nadalin”. Nell’anno 1894, il pasticciere Domenico Melegatti depositò, all’ufficio brevetti della sua città, un dolce morbido e dalla caratteristica forma a stella a otto punte, opera dell’artista Angelo Dall’Oca Bianca, pittore impressionista di fine secolo.

Un dolce tipico del Natale: la sua presenza sulle nostre tavole è simbolo di festa. Un dolce buono, goloso che già gli antichi avevano imparato ad apprezzare.

Leggi anche: Natale: il Panettone e la sua origine molto vicina al Papa

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]