Padre Slavko: “Maria SS. seguirà attentamente i tuoi passi”

Padre Slavko“Caro pellegrino, cercatore di Dio!”, è così che Padre Slavko iniziava una lettera rivolta a tutti coloro che decidevano di raggiungere Medjugorje.
E continuava: “Quando ti rechi in pellegrinaggio a Medjugorje, sei invitato a pregare in chiesa, a partecipare alla Santa Messa, a confessarti, a metterti in adorazione davanti a Gesù Sacramentato, a salire sul Krizevac (il monte che ci richiama alla mente la passione di Cristo, la nostra sofferenza e la nostra croce) e a pregare sul Podbrdo, la Collina delle Apparizioni. Credo che hai fatto tutto questo, che hai rinnovato la tua fede, il tuo amore e la tua speranza, e che ti sei convinto quanto Dio ti è vicino. È questo il motivo dei tuo viaggio a Medjugorje”.

Padre Slavko: cosa accade quando da Medjugorje si torna a casa?

Padre Slavko spiegava, in poche toccanti parole (questo è solo l’inizio della lettera), quale doveva essere lo spirito del pellegrino che cerca forza in Dio, attraverso la Madre celeste.
“Sono convinto che adesso ti sorge spontanea una domanda, che del resto molti altri pellegrini si pongono: Qui è tutto bello, qui è tutto facile, tutti pregano, tutti cercano Dio, ma che sarà una volta tornato a casa? Che cosa potrò fare perché la mia pace cresca, il mio amore si sviluppi, la fiducia prenda il posto della sfiducia, lo spirito della riconciliazione sia più forte di quello della discordia?”.

E’ questa una domanda che tante volte, ognuno di noi, si è posto, sapendo di dover tornare al solito ritmo di vita, al solito lavoro, alle solite abitudini e al traffico cittadino, che rende difficile la contemplazione e spesso anche il ricordo del viaggio nel luogo santo.
Adesso metti da parte Medjugorje, come comunità parrocchiale, e torna a casa portando con te, nella tua mente e nel tuo cuore i luoghi e gli eventi di Medjugorje. Siamo certi che a casa troverai il tuo Krizevac e la tua croce. A casa ritroverai la sofferenza che vi avevi lasciata. Essa ti aspetta. Ma non temere!

Il Krizevac di Medjugorje non è affatto più facile del tuo Krizevac, anche se, per molti, esso è diventato più comprensibile e più accettabile, da quando, per volontà di Dio, il monte più piccolo, cioè la Collina delle Apparizioni, è diventata luogo d’incontri più intensi con Dio per mezzo di Maria”.
La Madonna che a Medjugorje sosta accanto a noi ci aiuterà a portare a termine questa nostra quotidiana missione, fino ad un nuovo viaggio spirituale e rigenerante.
“Ritorna a casa, benedetto per sempre da Chi è benedetto in eterno!
E costruisci l’altare su cui comincerai a offrire, ogni giorno, le tue croci e le tue sofferenze, le tue amarezze e le tue afflizioni, la speranza e la gioia, l’amore e la fede! Cosi avrai anche tu la tua chiesa, il tuo Krizevac e il tuo Podbrdo. Se farai cosi, Dio sarà con te e Maria SS. seguirà attentamente i tuoi passi. Va in pace. Porta a tutti la pace e la benedizione”.
Grazie, Padre Slavko!

Leggi anche: Padre Slavko: “Madre Teresa ha ricevuto una grazia dalla Madonna di Medjugorje”

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI