Padre Pio: il miracolo che resuscitò il bambino morto da 24 ore

padre Pio
photo: web-source

Tra i tanti miracoli attribuiti a padre Pio, il più incredibile è quello che permise ad un bambino di tornare a respirare dopo 24 ore.

Sono innumerevoli i miracoli che hanno contribuito ad accrescere la fama di Padre Pio mentre era in vita e sono numerose le testimonianze che hanno consentito di riabilitare la sua figura agli occhi della Chiesa ed hanno portato al processo di beatificazione dopo la sua morte. Uno dei miracoli più incredibili attribuiti all’intercessione del Santo di Pietralcina risale al 1925 e riguarda addirittura la rianimazione di un bambino che la madre portò al suo cospetto defunto.

Secondo la storia la donna, Maria, si decise ad andare a fare visita al frate a San Giovanni Rotondo quando il medico le disse che il figlio appena nato era affetto da una grave malattia e sarebbe morto entro poco tempo. Conoscendo la fama di padre Pio ed i miracoli che i fedeli gli attribuivano, la donna prese il treno e si diresse al monastero. Il giorno stesso in cui prese il treno si accorse che il figlio non respirava più. Distrutta dal dolore pianse, pregò e vegliò sul corpicino del piccolo, quindi, prima di scendere dal treno, chiuse il piccolo cadavere in una valigia e si mise in cammino verso San Giovanni Rotondo.

Miracoli di padre Pio, il bimbo resuscitato

Quando giunse al monastero Maria si trovò davanti una fila sterminata di fedeli, la donna non si scoraggiò e con la valigia stretta tra le braccia attese il suo turno. Giunto il momento di sedersi nel confessionale, la donna scoppiò in lacrime, aprì la valigetta e mostrò il corpo al frate. Padre Pio era toccato dal profondo dolore della donna, prese il corpo del bambino in braccio, posò la mano stigmatizzata sul suo capo e con gli occhi rivolti al cielo recitò una preghiera. Qualche istante dopo il piccolo cominciò a muovere nuovamente braccia e gambe, padre Pio allora disse alla donna: “Perché urla? Non vede che il bambino sta dormendo?”.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello