Oggi 28 ottobre preghiamo Santi Simone e Giuda Taddeo, potenti intercessori di Cristo

La Chiesa oggi festeggia due Apostoli di Gesù, i quali non si sono mai allontanati dal loro Maestro, ed erano presenti durante l’Ultima Cena. Il primo è anche conosciuto come lo “Zelota”, mentre il secondo come il “Taddeo”.

Ad uno di essi è anche attribuito un Vangelo apocrifo. Sono entrambi venerati dalla Chiesa come martiri.

santi simone e giuda
photo web source

28 ottobre: Simone e Giuda, i discepoli di Gesù

In questo ventottesimo giorno del mese di ottobre, la chiesa venera i Santi Simone e Giuda. Simone è identificato, nel Vangelo di Luca, come lo “Zelota”, mentre nei restanti come il “Cananeo”. Per distinguerlo da Simon Pietro, è chiamato così. Entrambi i nomi hanno il medesimo significato.

Il martirio di San Simone

La tradizione vuole che Simone segue Giuda in Persia e Armenia, dove sono entrambi martirizzati. Pertanto Simone è spesso associato con Giuda Taddeo nella venerazione e insieme vengono ricordati il 28 ottobre. Il simbolo o attributo principale di San Simone è una sega poiché, secondo la tradizione, è stato martirizzato con questo strumento.

Il Vangelo di Giuda Taddeo

Poche sono, invece, le informazioni che riguardano Giuda Taddeo e tutte fanno riferimento al Nuovo Testamento. Gli è attribuito l’apocrifo “Vangelo di Taddeo”.

Ignoto il luogo preciso di predicazione dell’apostolo. Secondo Niceforo Callisto, che scrive nel XIV secolo, Giuda Taddeo sarebbe stato missionario della Giudea, Galilea, Samaria e Idumea.

Giuda Taddeo sarebbe stato aggredito a sassate durante una sommossa popolare e di sacerdoti in uno dei territori nei quali era andato a predicare. In particolare, dopo essere stato trafitto da lance e mazze, sarebbe stato finito con un colpo d’ascia sulla testa.

LEGGI ANCHE: Novena ai SS. Simone e Giuda Taddeo per i casi difficili – 1° Giorno

La preghiera ai Santi Simone e Giuda da recitare oggi

O Dio,

che per mezzo dei tuoi beati Apostoli Simone e Giuda

ci hai concesso di giungere alla conoscenza del tuo nome,

concedici di celebrare con frutto la loro gloria eterna e di trarne profitto.

Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio,

che è Dio, e vive e regna con te,

nell’unita dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

Amen.

LEGGI ANCHE: San Giuda Taddeo, il Santo di oggi 28 Ottobre, l’Apostolo invocato nei casi disperati

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it