Novena alla Beata Vergine del Carmelo – nono giorno

Con la seguente novena, ci prepariamo alla celebrazione del 16 luglio, giorno in cui festeggiamo la Beata Vergine del Carmelo.

Beata Vergine del Carmelo
Beata Vergine del Carmelo (photo websource)

Nella tradizione iconografica, la Beata Vergine del Carmelo è raffigurata con suo figlio, Gesù, in braccio e spesso è rappresentata con l’abito e lo scapolare bruni e con il mantello bianco. Le raffigurazioni mostrano Maria nell’atto di mostrare lo scapolare carmelitano. La denominazione del “monte Carmelo” deriva dalla spiritualità del profeta Elia, uomo contemplativo dell’Antico Testamento. Fu poi nel XII secolo che alcuni eremiti decisero di ritirarsi presso lo stesso monte (nell’Alta Galilea) per dedicarsi, completamente, al culto divino, sotto la protezione della Beata Vergine, madre di Dio.

Beata Vergine del Carmelo: le monache carmelitane

Già a partire dal Duecento, dunque in pieno Medioevo, erano presenti comunità di donne che vivevano secondo il costume dell’Ordine carmelitano, sotto la guida e la direzione dei frati. A partire dal secolo successivo, molte case dove esse vivevano divennero dei veri e propri monasteri femminili. Nacque così anche l’ordine delle Monache carmelitane. Tra le prime comunità che si trasformarono in monastero, si menzionano quelle fiorentine della Nunziatina e di Santa Maria degli Angeli.

Anche a Mantova, i carmelitani eressero numerosi monasteri femminili, così come nelle Fiandre. Questo permise all’ordine di allargare la sua diffusione, arrivando in Francia. Nell’arco di poco tempo, molti monasteri videro la luce anche in Spagna. Molti di questi ebbero origine dai “beateri”, ovvero dalle comunità di oblate converse.

Novena alla Beata Vergine del Carmelo – nono giorno

O Maria, Madre e decoro del Carmelo, a te consacro oggi la mia vita, quale tributo di gratitudine per le grazie che, attraverso la tua intercessione, ho ricevuto da Dio.
Tu guardi con particolare benevolenza coloro che devotamente portano il tuo Scapolare: ti supplico perciò di sostenere la mia fragilità con le tue virtù, d’illuminare con la tua sapienza le tenebre della mia mente, e di ridestare in me la fede, la speranza e la carità, perché possa ogni giorno crescere nell’amore di Dio e nella devozione verso di te.

Ave, o Maria …

Il Santo Scapolare richiami su di me lo sguardo tuo e la tua protezione nella lotta quotidiana, sì che possa rimanere fedele al Figlio tuo Gesù e a te, evitando il peccato e imitando le tue virtù. Desidero vivere in unione con il tuo spirito, offrire a Dio per le tue mani, tutto il bene che mi riuscirà di compiere con il tuo aiuto; e la tua bontà mi impetri il perdono dei peccati ed una più sicura fedeltà al Signore.

Ave, o Maria …

O Madre amabilissima, il tuo amore mi ottenga che un giorno sia concesso anche a me di mutare il tuo Scapolare con l’eterna veste nuziale e abitare con te e con i Santi del Carmelo nel regno beato del tuo Figlio.

Ave, o Maria

(fonte preghiera: Rosario on line)

Fabio Amicosante

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]