Novena a San Charbel. Terzo giorno

Novena a San Charbel. Terzo giorno
San Charbel

Durante la Novena a San Charbel Maklouf (1828-1898, Libano), comprenderemo quanto lui sia, in effetti, molto vicino alle nostre speranze e possa essere il nostro intercessore, presso Dio Padre.
San Charbel appartenne all’Ordine Maronita, un gruppo di Monaci operanti anche in Libano. In quel luogo, precisamente ad Annaya, si venera il suo sepolcro, la sua storia, che attira, ogni giorno, tantissimi fedeli.

L’immagine di Chrabel, che vedete qui sopra, è stata tratta da quella rimasta impressa in una foto di alcuni suoi Confratelli, dopo la sua morte. Lui, infatti, non possedeva una sua effige, ma lasciò al mondo questa sua caratteristica posa, perché anche chi non lo aveva incontrato in vita potesse riconoscerlo.

Lui è stato, sin da subito, il riferimento spirituale di molti cristiani in Libano, ma anche di tantissimi musulmani, che ne hanno sempre riconosciuto la straordinarietà e lo hanno pregato. Il Santo libanese, dal canto suo, ha compiuto innumerevoli guarigioni per tante persone, che si sono recate presso la sua tomba e a quanti lo invocavano anche da lontano, con fede. Ed essi erano sia cristiani che non.

Novena a San Charbel

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

O Dio, vieni a salvarmi. Signore vieni presto in mio aiuto. Gloria, Veni Creator Spiritus, Credo Apostolico.

Terzo giorno: O amatissimo San Charbel, che risplendi nel cielo della Chiesa come una stella fiammeggiante, rischiara il mio cammino e fortifica la mia speranza. Per mezzo tuo chiedo questa grazia (…). Ti prego di implorarla per me dal Signore crocifisso, che tu hai sempre adorato. Amen. San Charbel, modello di pazienza e silenzio, prega per me.

O Signore, mio Dio, che hai sacrificato padre Charbel, aiutandolo a portare la sua croce, dammi il coraggio di sopportare le difficoltà della vita con pazienza e fiducia, secondo il tuo volere, per intercessione di San Charbel. Ti ringrazierò per sempre. Amen.

Pater, Ave, Gloria.

Antonella Sanicanti