Notre-Dame de Paris: l’arte parla sempre di Dio

Cosa direbbe Vittorio Sgarbi dell’arte che va distrutta o persa per sempre?

Come non essere tristi di fronte allo scempio di Parigi.

Vittorio Sgarbi
photo web source

Oggi, che abbiamo perso anche Notre-Dame de Paris, il luogo di culto della religione cattolica in Francia, monumento storico, patrimonio dell’umanità e dell’Unesco, vogliamo ricordare al mondo la bellezza di moltissime opere artistiche, che esistono grazie alla devozione e alla fede cristiana.

Noi italiani (e non solo noi) non dobbiamo fare altro che gironzolare nelle vie della nostra città per apprezzarlo.
A ribadirlo è stato spesso anche Vittorio Sgarbi, che, in un’intervista di qualche tempo fa, disse: “Dobbiamo essere felici di tanta bellezza, noi e i musulmani dobbiamo essere contenti che ci sia qualcuno che può rappresentare Dio”.

Vittorio Sgarbi: a Natale nasce colui che ha rivoluzionato il mondo

Mentre ribadiva che il “Natale è la natività di una persona che ha fatto una rivoluzione, per cui l’uomo non deve odiare l’altro”, ricordava anche che “quelli che vogliono togliere il crocifisso, quelli che non vogliono festeggiare il Natale, quelli che non fanno il presepe” non hanno compreso che non abbiamo bisogno di integrazione, ossia di mescolare i valori di ogni cultura.

Vittorio Sgarbi parlava della possibilità di considerare il concetto alternativo di “disintegrazione”, per cui si attuerebbe “l’idea che nessuno integri niente: ognuno è integralmente se stesso e ognuno è curioso dell’altro”.
A noi pare che sia, questa, una saggia idea, quella che permetterebbe ad ognuno di essere se stesso, nella propria cultura o religione, e implicherebbe -per forza di cose- il rispetto di quella altrui, anch’essa ricca di significati e tradizione.

Del resto, il Signore nostro Gesù Cristo, morto per riportare ogni pecora all’ovile del buon Pastore, non intendeva, forse, ribadire che solo l’amore verso l’altro, che passa obbligatoriamente attraverso il rispetto e la comprensione autentica, mostra il vero volto di Dio?
Nel mondo ci sono tantissime opere d’arte che sono l’espressione proprio di quell’amore, di quella creatività umana che sa aspirare all’Eterno e aprire ogni orizzonte, come se fosse un caldo abbraccio, per chiunque lo voglia.

Antonella Sanicanti

leggi anche – Notre-Dame de Paris: la corona di spine di Gesù salvata dall’incendio

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it