Bimba nata con cento tumori in tutto il corpo guarisce miracolosamente

Questa è la storia di una bambina incredibile che lotta contro il cancro che aveva attaccato tutti i suoi organi fin dalla nascita e ne esce vincitrice.

La piccola aveva sole due settimane di vita. Ma accade qualcosa e cambia tutto.

Rachael Young
photo: leggo.it

Rachael: una storia di coraggio e forza

La storia che stiamo per raccontarvi è quella della piccola Rachael Young, nata con la miofibromatosi infantile. Una malattia che non lascia speranze di vita e ti condanna a morte certa.

Rachael, poi, ne era stata colpita nella sua forma più grave e anche più rara. Come racconta Fanpage, la piccina aveva più di 100 tumori in tutto il suo piccolo corpo, compreso il cuore. Anzi, lì vi era proprio quello nella sua forma più pericolosa.

Le speranze di vita erano davvero appese ad un filo per Rachael tanto che, a sole due settimane di vita, ha iniziato il suo ciclo di chemioterapie. Ma lei è stata più forte di tutto e tutti e, nonostante la sua tenerissima età, Rachael è sopravvissuta e, ora, ha 1 anno e sei mesi di vita.

Un corpicino pieno di tumori

I medici non sanno ancora spiegarsi come la piccola abbia potuto sopravvivere a tanto male. È vero che i suoi tumori erano tutti benigni, ma erano davvero tanti, sparsi per tutto il suo piccolo corpicino e, alcuni, anche su organi vitali e, quindi, molto pericolosi per la sua stessa sopravvivenza.

Ma Rachael ce l’ha fatta: un vero e proprio miracolo su di lei è avvenuto. La mamma, con la gioia nel cuore, ha anche dichiarato che le possibilità di una recidiva, per la sua bambina, sono davvero minime. In un’intervista al quotidiano inglese “The Mirror”, la mamma di Rachael ha raccontato il dolore e la paura di perdere la sua bambina che l’ha devastata per tutto questo tempo.

Nonostante una gravidanza serena e tranquilla, la scoperta dei tumori è avvenuta a pochi giorni dalla nascita. Anche gli stessi medici sono rimasti shoccati poiché non avevano mai visto nulla di simile: tanto male che si accanisce contro una bimba così piccola ed indifesa.

Rachael
photo: fanpage.it

La guarigione: “Un miracolo”

Nessuno avrebbe mai pensato che Rachael ce l’avrebbe fatta. Le chemioterapie erano lunghe e forti, i tumori sparsi e, specie quelli presenti su alcuni organi vitali potevano esser per lei, data la sua giovanissima età, fatali. Le terapie sono iniziate a sole due settimane di vita: nessuno era fiducioso nella buona riuscita e nella guarigione della piccola.

Rachael stava male, mangiava attraverso un tubicino. Ma ecco che, dopo tanta sofferenza, il miracolo è avvenuto. Ad oggi, dopo 18 mesi di chemio, i tumori sono scomparsi e la piccola sta tonando alla sua vita normale. I controlli ogni tre mesi saranno, sì la sua routine, ma ora la gioia è più grande e, per la piccina, il futuro è pronto per esser vissuto.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it