Morto per 20 minuti: si risveglia e racconta ciò che ha visto

Un avvenimento straordinario accaduto al giovane di 17 anni, al quale nessuno sa dare spiegazione. I medici hanno constatato un arresto cardiaco.

zack
Zack Clements – photo web source

Zack aveva avuto un malore durante l’ora di ginnastica a scuola. Il suo cuore si era fermato per 20 minuti ed è rimasto in coma profondo per 3 giorni. Ma dopo è accaduto qualcosa di inspiegabile.

Zack: il risveglio dopo il coma

La vicenda che stiamo per raccontarvi è davvero singolare. Un ragazzo, Zack Clements, mentre era a scuola durante l’ora di ginnastica, ha avuto un malore. Si è accasciato a terra. Un arresto cardiaco lo aveva stroncato.

Zack aveva 17 anni, era uno sportivo assiduo, conduceva una vita sana. Immediatamente soccorso e portato in ospedale, i medici gli hanno constatato l’arresto cardiaco: il suo cuore aveva smesso di battere da più venti minuti. “Un’eternità” – affermarono i dottori.

Il ragazzo è stato ricoverato ed è rimasto per ben tre giorni in coma profondo. Ma è proprio allora  che accade qualcosa che, in molti, hanno definito “un miracolo”. Il giovane dopo 72 ore si è risvegliato improvvisamente, come se niente fosse successo, lasciando di stucco i medici e i suoi familiari.

“Gesù mi ha detto che sarebbe andato tutto bene”

C’è un qualcosa, però, che Zack racconta ai suoi genitori dopo il risveglio: “Ho visto un uomo dai lunghi capelli e con la barba. In lui ho conosciuto le sembianze di Gesù. L’uomo mi ha messo la mano sulla spalla e mi ha detto che sarebbe andato tutto bene”.

Lo stupore dei suoi genitori, che mai si erano allontanati dal suo capezzale. L’incredulità dei medici nel constatare che Zack non aveva subito danno alcuno dopo il suo risveglio, nonostante i 20 minuti di arresto cardiaco. La consapevolezza da parte, anche del giovane Zack, di esser stato miracolato.

LEGGI ANCHE: Medjugorje: per i medici la sua vita era finita, ma accade il miracolo

La forza della vita, Gesù che gli ha teso la mano e Zack che si è lasciato guidare, per poter ritornare nuovamente dai suoi genitori.

Fonte: aleteia

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it