Il miracolo dopo 11 mesi di coma: si risveglia e la sua prima parola commuove

Un arresto cardiaco prolungato, il coma che dura quasi un anno poi, finalmente arriva il miracolo che cambia la storia.

cristina
la giovane Cristina – photo web source

Cristina era alla 30esima settimana di gravidanza quando accadde il tutto. La bambina fu fatta nascere con parto cesareo, mentre lei entrò in coma. Era il luglio 2020 e nessuno avrebbe mai sperato in quel miracolo accaduto, proprio, qualche giorno fa.

Il risveglio dopo il coma

La paura che non si sarebbe più risvegliata. Una bimba nata prima del previsto che forse non avrebbe visto più la sua mamma. Ed invece no: il miracolo è avvenuto. Cristina, dopo 11 mesi di coma, si è risvegliata e la prima parola che ha sussurrato è stata “Mamma”.

Una parola pronunciata per tre volte e lievemente, quasi consapevole del fatto che lì, accanto a lei, senza mai staccarsi un momento, c’era mamma Mirella e anche, il marito di Cristina, Gabriele. “Cristina reagisce alle sollecitazioni e piange quando ascolta il messaggio vocale registrato per lei da Gianna Nannini, la sua star preferita” – ha raccontato Gabriele.

Cristina e l’arresto cardiaco che la colpì

Un miracolo che tutti hanno sperato accadesse, ed è avvenuto. Da quel luglio 2020 quando un arresto cardiaco prolungato colpì la giovane mamma, il parto prematuro e il suo entrare in coma. Nessuno avrebbe mai sperato in un risveglio ed invece, ora tutto è possibile.

La raccolta fondi per la sua riabilitazione

Cristina, però, ha bisogno di cure e di riabilitazione per poter ritornare ad una vita normale. La giovane mamma, due mesi fa, è stata ricoverata in una clinica di Innsbruck, in Austria, specializzata nelle terapie neurologiche.

Ma il costo dei trattamenti, quanto della degenza, è elevato e, per questo motivo, è stata attivata una raccolta fondi. “Serviranno ancora tanti soldi per coprire le spese, esattamente 104.000 euro ma il fatto che Cristina si sia risvegliata ci da’ ancora maggiore forza. Ci appelliamo ancora all’aiuto delle persone che finora ci hanno sostenuto e spero di poter ottenere un modello specifico sanitario che ci permetterebbe di coprire in toto le spese” – ha concluso il marito della donna.

Per questo, sulla piattaforma Go Found Me è stata aperta la raccolta: https://www.gofundme.com/f/sostenere-cristina-rosi-nelle-sue-cure-mediche

Preghiamo sempre di più, affinchè questo miracolo si attui nella sua completezza, permettendo a Cristina di poter tornare quanto prima a casa e godere della sua famiglia e della sua bambina.

LEGGI ANCHE: La richiesta di una speranza per Alessia: “Aiutateci a riportarla a casa” – Video

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]