Medjugorje: ho perdonato mio padre che ha abusato di me

Medjugorje
foto web source

Medjugorje: ho perdonato mio padre che ha abusato di me.

Questa è una storia molto particolare, che racconta come sia possibile perdonare, anche se abbiamo ricevuto tanto male, se sperimentiamo l’amore della Regina della Pace, Madre di tutti noi.
“Nell’Agosto del 1999, ero il più lontano possibile dalla Chiesa Cattolica! Avevo giusto ordinato libri online che criticavano la fede cattolica e smascheravano il cattolicesimo.

Da bambina sono stata molestata sessualmente da mio padre. Lo dissi a mia madre che scelse di non fare nulla. Quando questo accadde, persi ogni amore, rispetto ed affetto nei confronti dei miei genitori”. Passarono tantissimi anni dai giorni in cui quella bambina, ormai divenuta adulta, si rifiutava di seguire il quarto comandamento: Onora il padre e la madre.

“Ero sposata con un uomo meraviglioso ed avevo due fantastici figli ormai cresciuti, avevamo successo e possedevamo qualunque cosa i soldi potessero comprare! Ma… ero la persona più infelice del mondo! (…) Lo shopping era diventata la mia grande passione! Ero perennemente a fare shopping, pensando che comprare cose, avrebbe reso la mia vita completa! Ovviamente non accadde mai, ma io continuavo”.

Così, tra uno shopping e l’altro, decise di comprare alcuni libri new age, dottrina in cui credeva molto, ma, quando si trovò in libreria, fu attratta da un altro tipo di testo: “Un libro attirò la mia attenzione. Era intitolato “La visione dei bambini. Le apparizioni della Madonna a Medjugorje”. Non so proprio perché presi quel libro. Ero in fila alla cassa per pagare mentre mi chiedevo: Ma perché dovresti mai comprare quella razza di libro? Tu non vuoi leggere quella spazzatura. Mi girai per rimettere il libro nello scaffale, quando il cassiere disse: “Prego signora”. Andai avanti e comprai quel libro.

Tornai a casa, nella nostra loggia e cominciai a leggere il libro. Ne ero completamente travolta. Dopo aver letto circa quaranta pagine, cominciai a sperimentare quello che ritenni un attacco di cuore! Una tremenda vampata di calore cominciò a muoversi lentamente giù, nel mio corpo, a partire dalla testa, muovendosi attraverso le braccia, uscendo dalle dita, giù per il torso, per le gambe e per i piedi! Non appena questa tremenda vampata raggiunse i miei piedi, io ero assolutamente certa che quello che stavo leggendo era vero… ero certa che la chiesa cattolica fosse l’unica vera chiesa… sapevo che dovevo tornare nella chiesa e che dovevo andare a Medjugorje immediatamente!!!”
Il prossimo passo fu andare in quel luogo santo.

Medjugorje: la Madonna mi chiede di perdonare i miei genitori

“La prima mattina a Medjugorje, il nostro prete guida ci accompagnava in un tour per il paese. Ci chiese, durante la breve sosta alla Cappella dell’Adorazione, di fare una breve preghiera. Mi inginocchiai nel pavimenti di legno e in lacrime implorai la Madonna di dirmi cosa volesse da me! Le dissi: Madre benedetta, mi hai voluta qui, e sono venuta, adesso, ti prego, dimmi cosa vuoi che io faccia! È lì che ho proprio sentito la sua vice dirmi: “se tu li perdoni, ritroveranno la via verso mio figlio! Non ci potevo credere! Non potevo credere che mi chiedeva di perdonarli, affinché loro ritrovassero la via verso suo Figlio!“

Quello che la Madonna le chiedeva non era affatto facile da realizzarsi, ma possibile con l’aiuto della preghiere. Così accadde. Passò un po’ di tempo da quel giorno e poi “Mio marito ed io stavamo uscendo di casa per andare ad una festa quando improvvisamente rimasi come paralizzata. Realizzavo, in quell’esatto momento, che non avevo più odio, non avevo più dolore, non più animosità e non detestavo più i miei genitori. Era sparito tutto! Non potevo più aspettare per andarli a trovare! Tornai nella mia città di origine e mi organizzai per incontrarli, dopo sedici anni! Dopo averli visti, diedi a ciascuno un grande abbraccio (era la prima volta che abbracciavo veramente qualcuno nella mia vita).

Leggi anche – Medjugorje: le parole del medico che ha visitato i veggenti

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI