Mary’s Meals: l’associazione di Medjugorje che aiuta oltre un milione di bambini

Mary’s Meals‘ il vero miracolo di Medjugorje

Si parla sovente di Medjugorje come di un paese in cui i pellegrini trovano per la prima volta la loro fede, si dice che Medjugorje sia un luogo magico in cui tutti riescono a trovare una pace interiore prima nemmeno vagheggiata. Con meno frequenza si parla delle opere di bene, del volontariato e dell’assistenza che viene fatta dai volontari che giorno dopo giorno lavorano in Bosnia per permettere a bambini e famiglie disagiate di tutto il mondo di vivere un esistenza meno difficile e intravedere un barlume di speranza nei confronti di un futuro che in alcuni paesi somiglia più ad una roulette russa che ad una strada da intraprendere.

L’impatto sociale di Mary’s Meals

Uno dei frutti più belli e proficui nati a Medjugorje nel corso degli anni si chiama ‘Mary’s Meals‘, un’associazione benefica che si occupa di fornire cibo e beni di prima necessità ai bambini del terzo mondo. Anno dopo anno, il contributo dei volontari (grazie anche alle numerose e generose donazioni ricevute dai fedeli) è diventato sempre più importante arrivando a coprire le esigenze di 1.230.000 bambini in 14 paesi differenti: oltre ad inviare cibo e vestiti, viene offerto a questi bambini un sistema d’istruzione di primo livello che gli permette di puntare ad un riscatto lavorativo in futuro.

 

Di questa realtà si parla poco, ma l’impegno dei volontari di ‘Mary’s Meal’ non passa sotto silenzio, sempre più persone conoscono il suo operato ed anche celebrità di Hollywood come Gerald Butler spendono parole importanti per questa associazione che provvede al benessere di oltre un milione di bambini in tutto il mondo. In un video promozionale pubblicato su Youtube che mostra il lavoro svolto dall’associazione in Malawi, l’attore americano spiega come Mary’s Meal non sia un semplice servizio di approvvigionamento, ma qualcosa di molto più importante: “Questo è molto più di un programma di nutrimento ed educazione. Il loro contributo ha un impatto sulle persone impressionante. Prima molti ragazzi non mangiavano e non andavano a scuola. Adesso sono motivati ad andare a lezione, hanno uno scopo, sono motivati ad essere parte di una comunità, sono motivati a parlare tra loro e possono concentrarsi sul futuro. Se parli con questi bambini adesso sognano di divenire dottori, avvocati, l’educazione diventa per loro una possibilità in più”.