L’icona di Maria con Gesù “inscritto” sul petto

“Non c’è di meglio che rifarsi a una celebre icona orientale, che raffigura Maria col divin Figlio Gesù in scritto sul petto”, per comprendere il legame di Maria con Gesù.

Don Tonino Bello Maria

Don Tonino Bello: il Vescovo pugliese che ha sempre preferito farsi chiamare “don” (1935-1993, Alessano). Nonostante le sue molte cariche importanti, ha costantemente dato più attenzione agli ultimi della società.

Ha promosso gruppi Caritas in tutte le parrocchie della sua Diocesi, occupandosi di una comunità per tossicodipendenti. Lasciava addirittura aperti gli uffici vescovili, per coloro che avessero necessità di un luogo asciutto dove passare la notte.

Fu Terziario Francescano e guida del movimento Pax Christi, che promuove azioni di pace a livello internazionale. Si oppose fermamente al potenziamento delle milizie calabresi e all’intervento nella Guerra del Golfo, tanto da rischiare di essere accusato di fomentare la diserzione. Ci ha lasciato indimenticabili e numerosi scritti, che toccano il cuore di chi ha l’occasione di leggerli. Per lui, è in corso il processo di beatificazione.

Dagli scritti di don Tonino Bello su Maria

“Bisogna ricorrere alle espressioni visive. E allora non c’è di meglio che rifarsi a una
celebre icona orientale, che raffigura Maria col divin Figlio Gesù in scritto sul petto. È
indicata come la Madonna del segno, ma potrebbe essere chiamata la Madonna dell’accoglienza, perché con gli avambracci levati in alto, in atteggiamento di offertorio o di
resa, essa appare il simbolo vivo della più gratuita ospitalità
“.

Don Tonino Bello
photo web source

Maria, una donna, una Madre, per Gesù e per tutti noi. Le parole di don Tonino Bello ce la fanno immaginare come teneramente e indissolubilmente legata al Figlio di Dio e, dunque, ad ognuno di noi.

Antonella Sanicanti

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]