Ecco la prima causa scatenante di Malefici, Maledizioni, Legature e Fatture

gmagianera02L’invidia è la prima causa dei Malefici, Maledizioni, Legature e Fatture
Molti si domandano ma i malefici esistono davvero? e chi può essere colpito? Molte persone vengono maleficate a loro insaputa neanche immaginando da chi siano state maledette, una delle motivazioni che spingono le persone ha praticare certi rituali è l’invidia verso il prossimo, che acceca e rende insensibili al bene, e porta a desiderare il male fino addirittura ad augurare la morte  delle stesse.

Vediamo qual’è l’azione del demonio nella nostra vita.

satana agisce in due modi:

1. Ordinario, attraverso la tentazione.

2. Straordinario, attraverso le opere dell’occulto che comprendono: magia bianca, nera o rossa (sono identiche), malefici, fatture, malocchio, incantesimi, macumbe, riti di vudù ecc.

Riconoscere i sintomi di un maleficio, di una fattura, di un incantesimo o del malocchio non è un’impresa facile, per una serie di motivi che elenco qui sotto.
Primo tra tutti é l’estrema ignoranza sull’argomento; segue la grande quantità di ciarlatani in circolazione e, non per ultimo, la grande miscredenza e la difficoltà di reperire informazioni vere e utili sull’argomento.
Che vogliate o no, i malefici, le fatture, le legature, il malocchio e gli incantesimi esistono, eccome! Per fortuna non sono molte le persone in grado di prepararli e attivarli rendendoli effettivamente operativi. Questo però non deve indurci a pensare che siano rari; anzi, nonostante ciò, un gran numero di persone ne resta colpito, spesso senza nemmeno saperlo.
Il maleficio è essenzialmente usare le forze del male per far del male al prossimo. Tutto ciò che tenta di avvalersi di “forze o poteri preternaturali” tentando di forzare il naturale svolgimento delle cose e impedendo l’altrui libero esercizio della proprio volontà, è un maleficio. Rientrano in questa categoria gli incantesimi e  le fatture. Anche  il malocchio e la maledizione sono malefici, così come  le legature per amore, i malefici per dividere due coniugi o due fidanzati o due amici, le legature nella fortuna, i blocchi ecc.
Un maleficio quasi sempre consiste in un rituale che ha per oggetto un feticcio su cui l’operatore imprime la sua forza e su cui agisce, come se agisse sulla persona da colpire, esprimendosi attraverso gesti e formule che hanno il compito di “attirare i favori” delle entità di cui l’operatore intende avvalersi.
Come è intuibile, i sintomi variano da caso a caso e da maleficio a maleficio, per cui non sono possibili se non un generico elenco e una sommaria descrizione.

I classici campanelli d’allarme potrebbero essere:

Alcuni sintomi davvero seri e che destano preoccupazione sono: la strana sonnolenza che ci assale quando tentiamo di pregare; l‘irrequietezza che ci coglie quando siamo in chiesa, colpi di tosse e  senso di oppressione ogni volta che decidiamo di recitare il rosario e infine una sensazione generica di avversione al sacro. Sbalzi evidenti di umore e un attimo prima eravamo persone pacifiche e serene, subito dopo veniamo colpiti da improvvisi e irrefrenabili scatti d’ira, mal sopportazione degli altri, impazienza.

I fenomeni
I fenomeni  che mettono davvero di fronte alle prime certezze sono quelli che in genere compaiono qualche settimana dopo essere stati colpiti.
Il primo fenomeno preoccupante è la manifestazione di “chiaroveggenza” : all’improvviso e inspiegabilmente capita di pensare in anticipo cose che effettivamente poi  si verificano.
In genere batte forte il cuore, si ha un’improvvisa sensazione di ansia e si pensa, ad esempio: ”Oggi incontrerò il tal dei tali”e  puntualmente in giornata avviene l’incontro.
Oppure si pensa che una cosa potrebbe andare malissimo e questa forte sensazione poi diventa realtà. Nei casi di legature per amore sono comuni alcuni fenomeni particolari:
come per incanto rispuntano dal passato vecchi amori, magari dopo anni che non si facevano vivi e sembra rinascere inaspettatamente la passione, per poi svanire nel giro di pochi giorni o settimane;in questi casi si osservano anche allontanamenti da persone che all’improvviso sembrano non essere più interessate a noi, anzi abbiamo la netta sensazione che ci evitino.
Nel caso, invece, dei malefici di separazione, al nostro partner capiterà quasi di sicuro di incontrare qualche sua ex, oppure incontrerà gente che sarà affascinata da lui mentre fino a poco tempo prima lo aveva ignorato.
Può capitare che alcuni oggetti in casa, improvvisamente si rompano o smettano di funzionare e, quando li si porta a riparare, risultano perfettamente funzionanti.
Ovviamente molto dipende dalla natura del maleficio e dalla sua potenza. In  molti casi gravi si percepiscono anche rumori e scricchioli; si vedono di sfuggita piccole ombre che sembrano passarci davanti velocemente; si verificano sparizioni di oggetti che si ritrovano dopo giorni e spesso in posizioni diverse rispetto a dove li avevamo lasciati.
Un altro fenomeno spesso rilevato è quello secondo cui ci si scopre “potenti”, nel senso che, se ci si arrabbia in cuor proprio con qualcuno, presto quella persona ne avrà una conseguenza dannosa.
Cosa non fare assolutamente
Se si scopre di rientrare nelle descrizioni riportate, si eviti assolutamente di rivolgersi ad altri operatori dell’occulto quali maghi, fattucchieri, strani guaritori dell’occulto ecc. Perché, si badi bene, non si può spegnere un incendio usando altra benzina. Infatti, andando da questi individui, la situazione già grave, peggiora inevitabilmente.

padre-gabriele-amorth-esorcista (1)

Cosa facciamo se rientriamo in questa casistica?

1) È necessario parlarne al più presto con un sacerdote esorcista ai quali chiedere delle benedizioni e coi quali iniziare un autentico cammino di fede. Suggerisco, inoltre, di non girare da un sacerdote a un altro, con la speranza di trovarne uno migliore, ma di affidarsi a quello scelto  e di continuare con lui la  battaglia. Ricordo che il sacerdote esorcista e il carismatico combattono ogni giorno contro il demonio ( vi assicuro che non è cosa da poco) e spesso durante la notte devono subire le conseguenze di questi attacchi. Se a volte, quindi, mostrano un carattere burbero e scorbutico, non stupitevi e non lamentatevi; ciò è dovuto a questo combattimento continuo che logora e stanca. Pregare dunque per loro è un dovere e una carità.

2) Un prezioso aiuto potrebbe essere quello di  rivolgersi alle  suore di clausura che, con la loro preghiera costante, sono un grande tormento per il demonio, costretto in tal modo a lasciare il fedele molto più velocemente. Vi ricordo che sono Gesù e  Maria Santissima che liberano dalle influenze del maligno e che possono liberare in qualsiasi momento, magari proprio quando non  ce lo aspettiamo. In molti casi occorrono parecchi  anni di benedizione per essere liberati definitivamente dall’antico serpente, perché spesso, la persona colpita non ha ancora  intrapreso  un autentico cammino di fede.

3) Il perdono è indispensabile per ottenere la liberazione. Gesù lo raccomanda tante volte nel Vangelo, perché non vi può essere un’autentica vita cristiana senza il perdono.  Covare nel cuore odio, o anche un semplice sentimento di rancore nei confronti di chi ci ha fatto del male, chiude le porte all’intervento divino. Dio, infatti, non può entrare dove è annidato il suo eterno avversario. Chiediamo dunque alla Vergine Santissima, la grande grazia di saper perdonare.

Gli effetti più devastanti del maligno possono arrivare all’uomo in due modi diversi. Il primo è voluto dall’uomo stesso, quando ricerca satana attraverso le pratiche dell’occulto, partecipa a  sedute spiritiche, accetta di diventare medium e invoca i morti oppure ricorre a maghi per fare del male agli altri. Si creano così legami spirituali forti e quasi indistruttibili con gli spiriti che ostacolano ogni contatto con i ministri della Chiesa. Il secondo è quello subito dall’uomo quando diviene vittima di un maleficio, fattura o malocchio. Chi vuol fare del male a una persona paga maghi e fattucchieri per colpirla. Il male si subisce senza rendersene conto, ma è possibile liberarsene, specie per i credenti e i praticanti, grazie all’opera di Dio che porta alla salvezza. In tutti e due i casi la forte volontà unita alla preghiera non solo della persona colpita ma anche di chi gli è accanto, la fede nella potenza dell’amore di Dio,  le benedizioni e gli esorcismi fanno si che la persona possa essere definitivamente liberata dall’influsso del maligno.

L’ATTIVITA’ DI SATANA
Il demonio infesta l’uomo per puro odio; è in se stesso odio rivolto al Cielo e alla Terra, e nella sua furia distruttiva fa quanto Dio gli concede. Possiamo dividere l’opera infestatrice del demonio nelle seguenti gradazioni, in ordine crescente.
Tentazione
È la suggestione operata dal maligno sulla memoria e sull’immaginazione, al fine di far preferire all’uomo il male piuttosto che il bene, o un male maggiore rispetto a uno minore, o un bene minore rispetto a uno maggiore. La tentazione è l’attività ordinaria del demonio, nel senso che colpisce tutti gli uomini in ogni momento (il diavolo non dorme!) e mira all’allontanamento dell’uomo da Dio mediante il peccato, che lo porta alla dannazione eterna.
Oppressione
Con l’oppressione entriamo nell’area delle attività straordinarie del demonio, cioè quelle azioni sporadiche (ci teniamo a sottolinearlo) che Dio talvolta permette a Satana per vagliare l’uomo, per rafforzarlo nella fede, per glorificare la Sua Chiesa, o per motivi a noi sconosciuti. L’oppressione colpisce i sensi della persona, mediante allucinazioni orrende, fetori, gelo improvviso, e l’ambiente circostante: rumori, scricchiolii, levitazione di oggetti, ecc.
Vessazione
Fenomeno grazie al Cielo rarissimo, di portata spirituale comunque minore a quanto seguirà. La vessazione è la vera e propria aggressione fisica da parte dei demoni. Molti Santi ne sono oggetto (pensiamo a Padre Pio!): il diavolo, incapace di tentare efficacemente l’uomo di Dio, lo solleva da terra, lo sfregia, lo malmena, lo sbatte contro le pareti, finché Dio non interrompe la sua opera distruttiva.
Ossessione
Qui l’azione di satana si fa più vicina all’unità psicosomatica umana: il demonio introduce nella mente colpita pensieri di disperazione e odio, muove (dall’esterno!) la vittima ad azioni involontarie e autodistruttive, sacrileghe e innaturali, la tormenta con visioni spaventose e fenomeni preternaturali raccapriccianti. E’ tuttavia un’azione intermittente, cioè la persona ha momenti di tregua.
Possessione di primo grado
Talvolta, misteriosamente, il demonio può invadere la psiche di un essere umano, prendendo il controllo del suo corpo e della sua intenzionalità. Il fenomeno dura finché non è annullato dall’esorcismo, dalle benedizioni o per periodi stabiliti a priori. In questo grado di possessione il demonio è nascosto, si limita ad alterare gli atteggiamenti del posseduto, le sue reazioni al sacro, gli istilla sentimenti di disperazione e depressione.
Possessione di secondo grado
Questa possessione è più evidente: si manifestano cambi di voce, fenomeni preternaturali, la levitazione, la pirocinesi (potere di incendiare gli oggetti a distanza), l’acqua santa produce piaghe nel corpo del posseduto, che di per se manifesta chiaramente di avere un’altra personalità. In genere per possessione diabolica si intende questa situazione intermedia.
Possessione di terzo grado
A questo grado, lo spirito maligno (o più spiriti) hanno preso un dominio tale della persona, da alterare orribilmente persino i suoi tratti somatici (che divengono veramente raccapriccianti!), il suo odore, la temperatura. Questo è il caso più arduo, e occorrono di solito numerosi esorcismi per la liberazione definitiva. In effetti, la differenza tra le ultime tre gradazioni è solo una sottigliezza, perché, molte volte, la persona passa da una fase all’altra con mutamenti quasi impercettibili.

Video che dimostra gli effetti di una Possessione diabolica: