Ha colpito al viso la maestra del figlio!

Un genitore colpisce la maestra
Scuola

Lascia davvero senza parole leggere certe notizie.
In un mondo che “violenta” il genere femminile e lo mortifica a più livelli e in diverse modalità; che mette le donne nella condizione di dover scegliere se essere madri o professioniste; che tenta ancora di sottometterle al potere del più forte (la nostra cultura non è poi tanto diversa dalle altre più accusate, per certi versi), ci sono ancora uomini che le aggrediscono, nel compimento del proprio dovere.

Si chiama Maurizio Bronzellino, l’uomo di 43 anni che ha aggredito la maestra del suo bambino.
E’ accaduto presso l’istituto comprensivo Ignazio Florio di Palermo, quando la maestra ha chiesto giustificazioni al genitore per le troppe assenze di suo figlio di soli 10 anni.
Maurizio Bronzellino ha risposto nella maniera più malsana possibile, colpendo la donna, con un pugno in piena faccia, forse perché, vigile nel suo ruolo di educatrice, lo aveva richiamato alle sue responsabilità.
La donna è stata anche minacciata di morte.
Ora, la maestra è in ospedale, dove le è stata annunciata una prognosi di 6 giorni, mentre l’uomo è stato denunciato.

Tutta la discussione sembra essere partita dal fatto che Maurizio Bronzellino aveva chiesto, alla maestra di suo figlio, di farlo uscire, prima della fine delle lezioni.
La maestra, sapendo di tante altre assenze del bambino, ha, giustamente, avvisato il padre che la sua istruzione avrebbe potuto risentire delle continue mancanze in classe.
L’uomo, dunque, ha pensato di farla tacere, con quel colpo al viso.
Come è già noto alle forze dell’ordine della zona, non è la prima volta che Maurizio

Bronzellino viene fermato per aggressioni e risse.
E pensare che è un collaboratore scolastico, dunque lavora nello stesso ambiente della maestra, ma soprattutto è un padre, la figura maschile a cui il piccolo in questione dovrebbe ispirarsi, per diventare un adulto consapevole e rispettoso delle donne.

Antonella Sanicanti