Madonna di Otome Toghe: il prodigio avvenuto nella cella del detenuto

La Madonna di Otome Toghe fu segno di una vicenda incredibile che lasciò per sempre un segno indelebile nella storia cristiana: quella dei martiri giapponesi. 

Madonna di Otome Toghe
Madonna di Otome Toghe – photo web source

Siamo nel 1868, anno in cui avvenne qualcosa di straordinario. In quel periodo storico, infatti, la persecuzione contro i cattolici stava infuriando in Giappone, molti dovettero nascondersi per lunghi secoli, mantenendo nel loro cuore la loro forza di restare ancorati a Gesù Cristo.

La grande storia dei cristiani giapponesi perseguitati

Tramandandosi in maniera furtiva alcuni piccoli segni di fede, come qualche immagine o qualche crocifisso, aspettando per anni la visita di un sacerdote che potesse confessare o dare la Comunione.

La fede di quei cristiani giapponesi, nella privazione, continuò ad ardere con grande forza e onore, dando così enorme luce alla storia del cristianesimo, scrivendo una pagina memorabile che durò per sempre. La dura caccia al cristiano era infatti iniziata alla fine del Cinquecento, e cessò in maniera definitiva vent’anni dopo quella data.

L’arresto di numerosi giapponesi e la Vergine che apparve in una cella

Nella città di Tsuwano, poco distante da Hiroshima, nel 1869 vennero arrestati 253 cristiani giapponesi. Furono brutalmente torturati e uccisi solo per la loro fede. A uno di loro però accadde un fatto miracoloso.

LEGGI ANCHE: Madonna Bella di Cantù: la preghiera mise fine all’angosciosa situazione

Apparve la Madonna, “Marya-sama”, all’interno della sua cella. Una stanza alta e larga un solo metro, dove l’uomo rimase per ben otto giorni. La Vergine restò con lui per tutta la sua ultima notte, confortandolo, prima che arrivasse la sua triste esecuzione.

LEGGI ANCHE: Madonna dei Miracoli di Lucca: il sacrilegio spezzò il braccio dell’uomo

Tuttavia riuscì a raccontare l’evento prodigioso al suo compagno di sventura, Domingo Fukahori, e su quel luogo oggi sorge uno splendido santuario, chiamato “Otome Toghe”, il “Sentiero della Vergine”.

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it